Bambina paralizzata dopo operazione Milano Clinica Città Studi, ex Santa Rita, indagati medici

I fatti risalgono al 19 ottobre 2010.

 

LA MALFORMAZIONE E L’INTERVENTO – La piccola paziente, 11enne ai tempi dello svolgimento dei fatti, venne sottoposta ad intervento per correggere una scogliosi idiomatica evolutiva dorsale destra.

 

– L’intervento, di massima delicatezza, venne svolto dal personale medico dell’attuale Clinica Città Studi di Milano, all’epoca ancora Clinica Santa Rita.
– Secondo gli specialisti tale operazione, consistente nell’innesto di tessuto osseo sulla spina dorsale al fine di correggere la malformazione, è normalmente svolta non prima dei 18 anni di età.

 

L’ACCUSA DEL PM – Quando, dopo l’intervento, fu ufficializzato che la bambina non avrebbe più potuto camminare, il padre della piccola sporse denuncia.
– Ora l’inchiesta, coordinata dal PM di Milano Ferdinando Esposito, guidato dal procuratore aggiunto Nicola Cerrato, ha portato all’iscrizione nel registro degli indagati del medico che operò la ragazzina, del secondo operatore e dell’anestesista.
– L’ipotesi di reato formulata è quella di lesioni colpose, avendo l’equipe, secondo l’accusa, cagionato gravi danni alla piccola per negligenza, attraverso un intervento troppo invasivo.
– Inoltre, il PM ha sottolineato anche la mancanza degli specifici esami clinici preparatori, come la risonanza magnetica preparatoria o una semplice radiografia.

 

L’INDAGINE – Sono aperte le indagini, mentre la difesa respinge tutte le accuse.

 

Di Redazione

2 COMMENTI

  1. anche io sono stata operata in questo ospedale circa 14 mesi fa di ernia cervicale nel reparto di neurochirurgia e devo dire che ancora sto male, continuo ad avere dolori. Il medico che mi ha operato si è pure seccato nel sentirmi dire questo, è una vergogna…….consiglio a tutti di stare attenti ciao

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here