Comune di Milano, premio di 800 euro in busta paga a tutti i dipendenti

800 euro in più per un “premio di produttività”: chi non vorrebbe ritrovarseli nella busta paga, soprattutto con la crisi e, perché no, a seguito dell’obbligo di pagare 5 euro al giorno per raggiungere il posto di lavoro all’interno di Area C (stimati in 1305 gli euro che pagherà in più, ogni anno, chi lavora dentro la Cerchia)?

 

 

Il bonus, che farebbe gola a chiunque, arriverà a 16.000 lavoratori.

 

Per la precisione, 16.000 lavoratori dipendenti del Comune di Milano.

 

Il premio arriverà a marzo, in coincidenza con il cambio di stagione, senza fare distinzione per i diversi ruoli o le diverse funzioni all’interno della struttura comunale: se ci lavori, becchi 800 euro bonus.

 

Il gradito presente nasce da una trattativa che ha visto, due giorni fa, la firma siglata tra Amministrazione e sindacati, legata ad un Fondo di produttività arrivato a 23,7 milioni di euro.

 

Il 55% di tale fondo, sarà distribuito attraverso formule bonus.

 

Il rimanente 45%, attualmente bloccato con il contratto nazionale, verrà utilizzato per finanziare la progressione orizzontale per tutti, dal primo gennaio 2015.

 

Ancora fortunati, intanto, i dipendenti comunali, anche rispetto agli orari.

 

Pochi giorni prima del varo di Area C, infatti, era stata l’assessore al Personale, Benessere e Qualità della Vita, Chiara Bisconti, a presentare l’istituzione di un orario flessibile concesso da lunedì 16 gennaio 2012 (data di attivazione di Area C) al fine di “venire incontro alle esigenze delle famiglie e coniugare le necessità dell’organizzazione comunale con le nuove limitazioni sul traffico”.

 

Anche in questo caso, le “famiglie” quindi, sono quelle dei lavoratori del Comune, i cui dipendenti, per volere dell’assessore, possono quindi entrare in servizio, in via sperimentale per un mese intero, dalle 9 alle 11. Le ore perse saranno poi recuperabili “spalmandole” nei due mesi successivi.

 

“È questa una sfida per trovare soluzioni alle diverse esigenze delle persone – aveva spiegato l’assessore Chiara Bisconti. – “E’ il primo passo per l’avvio di un percorso di ricerca di flessibilità orarie e organizzative. Diamo fiducia alle lavoratrici e ai lavoratori e alle loro capacità di auto-organizzarsi”.


Leggi anche:

Area C Milano, orario di entrata in ufficio fino alle 11 del mattino per i dipendenti del Comune

Ticket Area C Milano, corsi Croce Rossa sospesi perché Comune nega esenzioni ai volontari

Arresto dipendente Comune di Milano corrotto, chiedeva tangenti ai negozianti


Di Redazione

3 COMMENTI

  1. Questa cosa è l’ennesima scandalo di una giunta ipocrita e fintoriformista dei miei stivali…..perchè l’Ass. al benessere e qualità della vita Chiara Bisconti non omaggia anche Noi Milanesi di bonus ed esenzione dal ticket area C, così tanto per elevare un pò anche la ns. di qualità della vita in modo che TUTTI i milanesi possono con le sue parole “autorganizzarsi”!!!???
    L’esenzione dei dipendenti comunali dal ticket Area C dimostra l’ennesima sperequazione tra cittadini; tra quelli ingiustamente protetti dell’area “pubblica” ormai sempre più legata a doppio filo con la politica, rispetto ai privati cittadini che siano lavoratori, pensionati o disoccupati.
    La vergogna e la faccia di bronzo di questa gente non ha limiti altro che “il vento che cambia” ; a tutt’ora a Milano non ho visto uno dicasi uno spalatore di neve e menchè meno spargere il sale sulle trade con le recenti nevicate
    Aggiungo poi che ieri si è data in pasto ai media la solita operazione di facciata del Comune di Milano che per risparmiare sulla riparazione di un orologio hanno deciso di comprare qualche boiata cinese dai centri commerciali, e strombazzando in giro questa operazione come es. di risparmio virtuoso, al contempo si apprestano a dare bonus di 800 € ai dipendenti comunali (n.d.r 16.000) per cosa non si capisce visto che gli uffici comunali lavorano meno di uno studente part-time……
    Quand’è che la gente capirà che la “cattiva politica” e la questione etica è il vero male dell’Italia sia a livello locale che nazionale!!???

  2. innanzitutto quei soldi non sono un premio di produttività ma soldi che dovevano percepire i dipendenti dal 2010 i quali erano stati bloccati dall’amministrazione.
    milano non ha avuto problemi di viabilità con la neve.
    i dipendenti comunali non sono esenti dal ticket per area c.
    l’ingresso fino alle ore 11 è legato solo per alcune categorie di personale e comunque se entro alle 11 esco 3 ore dopo il mio orario.
    pertanto prima di spalare m e r d a sulle persone che fanno il loro lavoro ci penserei 2 volte

  3. Andrea, ti prego, è mai possibile che appena si parla di soldi ad alcuni lavoratori ci si debba scandalizzare e non si riesca a capire che non sono loro i nostri nemici. 800 euro per famiglia sono un contentino a buona parte delle famiglie in crisi. Non sarà che hai votato per qualche evasore che si porta alle Kaiman 180 miliardi di euro???? Un saluto Alessandro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here