Moschee Milano, in arrivo 10 mini moschee autorizzate dal Comune

I propositi anticipati nella campagna elettorale del sindaco Giuliano Pisapia procedono, anche se con alcuni cambiamenti.

 

Tra i punti più controversi vi era la realizzazione della “Grande Moschea” di Milano, poi sostituita dal progetto di costruire in tutta la città tante “Moschee di Quartiere” .

 

Ora, dopo le rilevazioni iniziate lo scorso settembre da Palazzo Marino, si è arrivati alla nuova formula del progetto: non l’ampliamento del  Centro Islamico a Segrate, bensì la realizzazione di una decina di “mini moschee” sparse su tutto i territorio cittadino.

 

La speranza della giunta Pisapia è che i nuovi luoghi di culto siano allestiti e completati già entro i prossimi mesi, mantenendo un piano di realizzazione serrato.

 

Nel frattempo, il Comune ha anche deciso di ristrutturare e mettere in regola i luoghi dove attualmente si ritrovano i membri della comunità musulmana per esercitare la preghiera.

 

Per i luoghi dove non è possibile avviare la ristrutturazione, verranno eseguiti i relativi traslochi verso sedi alternative, per trovare le quali sono già state aperte consultazioni con i consigli di Zona.

 

Leggi anche:

Vice sindaco di Milano a festa del Ramadan alla moschea di via Padova, indossa il velo e dice che la sua visita è segno del cambiamento d’aria di Milano; commenti

 

Moschea Milano, Shaari annuncia che fra poco chiederanno quanto promesso in campagna elettorale dall’Amministrazione Pisapia

 

Moschea Milano, incontro musulmani – Comune: un luogo di culto in ogni quartiere è l’obiettivo di Palazzo Marino, ma dal dialogo sono stati esclusi i musulmani moderati; soddisfatto Abdel Shaari, interlocutore del Comune e portavoce di viale Jenner, ex braccio destro di un Imam condannato per terrorismo e sostenitore dell’utilizzo della detenzione come punizione dell’adulterio


Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here