Arcigay Milano al Comune: coerenza su promesse fatte a coppie gay e lesbiche

“E’ pittoresco che, quando qualcuno propone un’idea che coinvolge anche la vita delle persone gay e lesbiche, dall’interno della stessa maggioranza si sollevino accuse reciproche di “fughe in avanti”. Lo abbiamo visto con il Pride, con il fondo anti-crisi, e lo osserviamo adesso”. Lo dichiara Marco Mori, presidente del CIG Arcigay Milano.

 

“I consiglieri comunali dovrebbero ricordarsi quanto scritto nel programma elettorale, chiesto da Arcigay e ribadito dal Sindaco: il registro non sia un mero atto simbolico – prosegue Mori.

 

“Noi vorremmo che il registro venga fatto perché ritenuto veramente utile, anche se sappiamo benissimo che da solo non è sufficiente, visto l’eterno ritardo di questo Paese su questi temi. Di sicuro – stigmatizza Mori – non è il tempo di battibecchi sull’attribuzione di primati, perché non siamo di fronte a nessuna fuga in avanti, anzi, noi omosessuali siamo sempre al punto di partenza e senza diritti.

 

Se la proposta confermerà la bozza in circolazione – aggiunge il presidente del CIG Arcigay Milano – il Consiglio Comunale dovrà lavorare molto per dimostrarsi coerente con quanto promesso e dichiarato, perché tra le premesse e le ragioni di quella delibera non si parla ad esempio del riconoscimento delle unioni omosessuali.

 

“Il registro può essere uno strumento veramente efficace e utile per dare una scossa al Paese – conclude Mori – ma bisogna averne la volontà. Non saremo qua a farci dire che il registro è anche per noi quando non si ha il coraggio di affermare che i nostri amori e le nostre unioni hanno un valore sociale e pubblico che va legittimato e celebrato.”

 

Leggi anche:

Protesta precari del Comune di Milano, la giunta Pisapia ha bloccato le assunzioni, chiedono giustizia

Comitato dei Piccoli Imprenditori Invisibili, contatti, recapiti, aiuti per chi non ce la fa più

Foto gay pride 2011 Milano, tra fisici scolpiti e voglia di festeggiare in nome dell’amore

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here