Condanne Santa Rita, per Brega Massone confermati 15 anni e 6 mesi

I giudici della Corte d’appello di Milano hanno confermato la condanna già emessa in primo grado nei confronti di Pierpaolo Breda Massone a 15 anni e mezzo di reclusione.

 

L’ex primario della clinica Santa Rita è accusato di una ottantina di casi di lesioni su pazienti e di truffa ai danni del servizio sanitario nazionale.

 

Per lui nessuna attenuazione della custodia cautelare. Con la sentenza i giudici di appello hanno stabilito che Brega Massone debba restare in carcere ”non essendo sopraggiunto alcun elemento a favore dell’imputato”.

 

La Corte ha poi ridotto le pene a due medici imputati che facevano parte dell’equipe di Brega Massone:

– Fabio Presicci, condannato oggi a 9 anni e 9 mesi)

– Marco Panzera, 4 anni e 4 mesi. 

 

I giudici hanno inoltre assolto Paolo Regolo e Augusto Vercesi.

 

“Siamo increduli e molto delusi“, ha commentato l’avvocato Oreste Dominioni, uno dei difensori di Pierpaolo Brega Massone. Il legale aggiunge poi poche parole: “Non mi aspettavo certo che non venissero accolti i nostri motivi di appello“. (fonte: Adnkronos).

 

Leggi anche:

Brega Massone Santa Rita Milano accusato di omicidio volontario di 4 pazienti, coinvolti anche i suoi collaboratori Fabio Presicci e Marco Pansera

Quattro omicidi Brega Massone clinica Santa Rita, nuova accusa per ex primario

Sentenza clinica Santa Rita, Brega Massone condannato a 15 anni e mezzo

Clinica Santa Rita, formulate condanne fino a 21 anni di carcere, con accuse di falso, truffa aggravata, falso e lesioni personali gravi e gravissime

Di Redazione