Arresto ladro tunisino Milano, arrestato due volte in un giorno e mezzo, con tanto di processo

Si chiama Abd Satari Z. ed è un uomo di 30 anni, tunisino, clandestino in Italia e con precedenti. Inoltre, è decisamente “recidivo”. Abd, infatti, è finito in arresto per due volte in meno di due giorni, passando anche per un processo per direttissima e una denuncia a piede libero.

 

DOMENICA MATTINA: UNA DENUNCIA – Tutto ha avuto inizio la mattina della scorsa domenica, quanto il 30enne, noto alla Polizia a causa delle sue “doti” di borseggiatore, è stato indagato a piede libero in Stazione Centrale per reati in materia di immigrazione.

 

DOMENICA NOTTE: IL PRIMO ARRESTO – Dopodiché, domenica notte il primo arresto, per essere stato “pizzicato” dopo aver rubato all’interno di una Chrysler Voyager e una Fiat Punto parcheggiate in via De Pretis, quartiere Barona.

 

LUNEDì MATTINA: IL PROCESSO – Finito il mattino successivo in Tribunale per un processo per direttissima, il malvivente è tornato in libertà e, per lui, tale situazione si è tradotta nella possibilità di tornare subito… “al lavoro”.

 

MARTEDì POMERIGGIO: UN TENTATO SCIPPO – Martedì ha quindi compiuto il nuovo colpo: lo scippo di una 36enne italiana che, seduta su una panchina del parco di via Palestro, l’uomo ha scippato della borsa.

– La vittima, però, ha reagito, e il 30enne è scappato a piedi verso corso Venezia assieme ad un complice palestinese di 37 anni.

 

ANCORA MARTEDì POMERGGIO: IL SECONDO ARRESTO – Intervenuti alcuni agenti della Volante, assieme al complice anche il tunisino è finito nuovamente in manette alle 19.15 e, nelle sue tasche, la perquisizione della Polizia ha rivelato che il poliedrico ladro aveva anche due cellulari, orologi e anelli.

– A questo punto, Abd è stato portato nuovamente a San Vittore.

 

Leggi anche:

Truffa Telethon carcere San Vittore Milano, un detenuto romeno clonava carte dal call center delle prigione dove era rinchiuso

Detenuto truffatore dentro San Vittore, keniano si spaccia per dipendente del Ministero per recuperare mazzette dai familiari dei detenuti

Condannato truffatore online denunciato 84 volte, la sua specialità era vendere biglietti falsi attraverso un finto sito del Milan

 

Di Redazione