Arresto pachistano Milano, accusato di voler costringere la figlia a sposarsi, evade dai domiciliari per non far uscire di casa la moglie

L’inizio di tutto risale allo scorso febbraio.

 

Secondo quanto emerso, M.B., 50 anni, pachistano, era stato arrestato assieme al proprio genero in quanto avrebbe costretto la figlia più grande a sposarsi.

 

Il GIP di Milano Chiara Valori, tuttavia, gli aveva concesso gli arresti domiciliari dopo l’interrogatorio di garanzia, consentendogli quindi di non restare in prigione. Ciononostante, per il 50enne si sono aperte nuovamente le porte del carcere, poiché sorpreso ad aver violato anche gli arresti domiciliari.

 

“Dovevo accompagnare la figlia più piccola a scuola, perché mia moglie deve stare a casa”. Così infatti si è giustificato davanti ai Carabinieri M. B., “pizzicato” all’esterno dei confini della sua abitazione.

 

Intanto, durante l’interrogatorio di garanzia l’uomo ha ammesso di aver combinato il matrimonio con il figlio di un amico, ma ha negato le violenze per costringere la figlia ad accettare il marito una volta giunto in Italia.

 

Nei suoi confronti e nei confronti del genero è già stato firmato il decreto di giudizio immediato; per entrambi l’accusa è di concorso mortale in violenza sessuale.

 

Il processo è fissato per il 15 maggio 2012 davanti ai giudici della Quinta Sezione Penale; secondo la difesa dei due, l’udienza sarà importante occasione per far avvenire il confronto diretto tra la ragazza e i familiari, nonché per ascoltare i testimoni.

 

Leggi anche:

Arresto tunisino Legnano, moglie picchiata e ridotta in schiavitù per una gelosia folle

Arresto ecuadoriano via Meli Milano per maltrattamenti alla moglie

Arresto ecuadoriano ubriaco Rho mentre picchia moglie: le ha sbattuto la testa contro il muro e l’ha coperta di calci e pugni davanti ai figli

Ragazza quasi soffocata da padre musulmano Milano, punita perché sorpresa a parlare con un ragazzo

Imprigionata a casa dal convivente ossessionato dal tradimento, un’odissea durata 18 mesi

Moschee Milano, in arrivo 10 mini moschee autorizzate dal Comune

Vice sindaco di Milano a festa del Ramadan alla moschea di via Padova, indossa il velo e dice che la sua visita è segno del cambiamento d’aria di Milano; commenti

Di Redazione