Accuse Lega Nord, interrogata segretaria di Bossi e dichiarazioni del figlio Renzo

E’ sereno e ha fiducia nella giustizia Renzo Bossi, figlio del leader della Lega Nord, nell’occhio del ciclone a causa delle indagini sul tesoriere dimissionario del gruppo, Francesco Belsito.

 

Oggi, a margine del consiglio regionale, Bossi Jr. si è detto sereno, e ha affermato che “soldi dalla Lega non ne ho mai presi” e “anche la mia famiglia di soldi dalla Lega non ne ha mai presi“.

 

“Come tutti i miei colleghi di partito do una percentuale al movimento e come tutti mi pago il leasing della macchina e vivo in affitto“, ha aggiunto Renzo Bossi, che ha dichiarato avere grande “fiducia nella giustizia” poiché “so che di soldi non ne ho presi e ad ogni domanda sarà data la giusta risposta“.
Intanto è in atto in questo momento negli uffici della procura di Milano la deposizione, davanti al pm di Napoli Henry John Woodcock, di Daniela Cantamessa, una delle segretarie di Umberto Bossi. Cantamessa è stata ascoltata ieri anche dai magistrati di Milano, in qualità di testimone.

 

Per ulteriori dettagli, CLICCA QUI

 

Leggi anche:

Indagato tesoriere Lega Nord, perquisizioni alla sede di via Bellerio, dettagli e accuse

 

di Redazione