Dimissioni Bossi segretario Lega Nord, dettagli

A seguito delle accuse che si sono abbattute sulla Lega Nord, il leader del Carroccio Umberto Bossi ha presentato le proprie dimissioni al consiglio federale riunito in via Bellerio, dove gli ultimi giorni sono stati caratterizzati dalle perquisizioni delle Forze dell’Ordine.

 

In un comunicato diffuso al termine della riunione, si legge, tra l’altro: “Il Consiglio Federale, all’unanimità, ha chiesto ripetutamente a Umberto Bossi di ritirare le sue dimissioni, ribadendo al contempo l’unanime stima e solidarietà al Segretario Federale, che, però, ha ribadito con fermezza di ritenere irrevocabile la sua decisione di dimettersi. A fronte di questa decisione il Consiglio Federale, sempre all’unanimità, ha deliberato di nominare Umberto Bossi nuovo Presidente Federale della Lega Nord, con la richiesta di proseguire la sua attività politica con una determinazione e convinzione, se possibile, ancora maggiori”.

 

“Nel corso della riunione si sono succeduti numerosi interventi dei presenti – continua la nota – che hanno manifestato la loro commozione e l’unanime apprezzamento per la scelta compiuta da Umberto Bossi per tutelare al meglio il movimento, ringraziandolo per aver accettato la nomina a Presidente Federale con un lungo e sentito applauso”.

 

Mentre era in corso la riunione, alcune decine di militanti del Carroccio hanno raggiunto il cortile interno di via Bellerio e, sotto le finestre, fanno sentire con i cori il loro sostegno a Umberto Bossi, con slogan quali “Bossi non mollare”, “Bossi-Bossi” e ancora “Butta fuori i traditori”.

 

Matteo Salvini, capogruppo della Lega al consiglio comunale di Milano, a margine di una visita condotta stamattina al campo rom bruciato ieri in via Bonfaldini, ha dichiarato: ” Se qualcuno ha usato e tradito la Lega e lo stesso Bossi per farsi gli affari suoi finisce fuori a pedate nel sedere. La nostra reazione e’ e sara’ molto veloce”.

 

La Lega e’ pulita, e’ un movimento sano, – ha aggiunto Salvini. – Bossi non fa politica per arricchirsi anzi ci ha quasi rimesso la pelle; su Bossi, Umberto, i militanti ci mettono la mano sul fuoco, poi c’e’ da fare chiarezza, quello sicuro. Vogliamo che la nostra gente vada in giro a testa alta, in Lombardia abbiamo un milione di elettori, abbiamo migliaia di amministratori locali onesti che fanno il loro lavoro. Se qualcuno ha usato e tradito la Lega e lo stesso Bossi per farsi gli affari suoi paghera’ personalmente”.

 

Si ipotizzano intanto i successori di Umberto Bossi; tra i primi nomi ci sarebbe un “triunvirato” costituito da Roberto Maroni, Roberto Maroni e Manuela Del Lago, ma tutto è ancora da decidere.

 

Nominato nel frattempo il nuovo Tesoriere della LN, eletto al posto di Francesco Belsito: si tratta di Stefano Stefani. 

 

Per l’approfondimento CLICCA QUI.

 

Leggi anche:

Accuse Lega Nord, interrogata segretaria di Bossi e dichiarazioni del figlio Renzo

Indagato tesoriere Lega Nord, perquisizioni alla sede di via Bellerio, dettagli e accuse

 

Di Redazione