Truffa scuola privata Milano, accusato l’Istituto Sempione di via Bassi, ecco perché

La Squadra Interventi Speciali Servizio Radiomobile della Polizia locale di Milano ha concluso lo scorso sabato le indagini, coordinate dal Pubblico Ministero D.ssa Siciliano, relative a una truffa.

 

L’ISTITUTO SEMPIONE DI VIA BASSI

– La mente del piano sarebbero i titolari dell’«Istituto Sempione» di via Bassi a Milano, una scuola privata che ha ricevuto fondi pubblici per corsi di formazione finalizzati ad agevolare il reinserimento nel mondo del lavoro di persone disoccupate o inoccupate.

– La truffa, infatti, è stata organizzata ai danni della Regione Lombardia.

 

LE IRREGOLARITA’ EMERSE DALLE INDAGINI

– A seguito della indagini condotte, è emerso che che in realtà i corsi non rispettavano il programma previsto e concordato con la Regione Lombardia.

– In particolare, l’Istituto Sempione non ha erogato il servizio di tutoring, scouting aziendale e stage presso società che potessero effettivamente essere in grado di fornire proposte occupazionali.

– Secondo quanto rilevato dagli investigatori, inoltre, è emerso che sulle schede personali di partecipazione dei corsisti erano apposte firme false per attestare la partecipazione a servizi mai erogati dalla scuola.

 

LE DENUNCE – Le indagini, durate tre mesi, sono partite dopo un esposto della Regione Lombardia e si sono concluse con la denuncia a piede libero di:

– A.B. 55enne milanese

– suo figlio D.B. di 32 anni.

 

I SEQUESTRI – La Polizia locale ha quindi sequestrato:

– 160mila euro,

– fondi pubblici incassati dall’Istituto a fronte di servizi mai resi con una ricaduta negativa su soggetti deboli disoccupati o licenziati che frequentavano l’istituto.

 

SCRIVETECI – Se siete stati oggetto di truffe e volete fare una segnalazione mantenendo la massima privacy, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, al fine di darne visibilità ed evitare contestualmente che altri cittadini cadano nelle mani dei truffatori.

 

Leggi anche:

Rimborso concerti UEFO teatro Smeraldo Milano, intervista agli abbonati furiosi

Esenzioni Area C Milano malati cronici, la bufala del Comune, intervista di Cronacamilano

Truffa dell’urto dell’auto e della strisciata Milano piazza Maggi, un lettore racconta che un’auto l’ha urtato e il conducente ha chiesto 150 euro di danno in contati per evitare di coinvolgere l’assicurazione: era una truffa

furto rolex via Borgogna ancora col trucco dello specchietto – la vittima si sfoga su Cronacamilano

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here