Obbligo sacchi immondizia trasparenti Milano dal 15 maggio 2012, multe per trasgressori, nuova ordinanza Pisapia

Attenzione a tutti i milanesi: in arrivo un nuovo rischio di sanzione, questa volta causato dai sacchi della spazzatura.

 

Dal 15 maggio 2012, infatti, scatteranno nuove multe: dopo le 6.000 sanzioni al giorno per Area C, questa volta l’insidia sta nei sacchi della spazzatura indifferenziata, che da ora si dovrà gettare per forza all’interno di sacchi trasparenti.

 

La decisione di mandare in pensione il “vecchio” sacco nero, per cedere il passo ai nuovissimi sacchi trasparenti, risale allo scorso febbraio quando, a seguito dell’accordo tra Comune a Amsa, il sindaco Giuliano Pisapia ha emesso un’ordinanza con la quale ha esortato  tutti i cittadini ad abbandonare i vecchi sacchi e sacchetti usati finora per tutti quei rifiuti non destinati al riciclo, e passare al “trasparente”.

 

Obiettivo: rendere più facile agli operatori dell’Amsa individuare i “conferimenti scorretti”, ovvero tutto quel materiali impropriamente inserito nel sacco nero.

 

A questo punto, dopo 3 mesi di “prova”, attenzione: quella che prima era un’esortazione, infatti, a partire dal 15 maggio 2012 si tramuterà in sanzione per tutti i trasgressori, compreso gli “sbadati” e i “disinformati”.

 

Per ulteriori informazioni i cittadini possono contattare il centralino del Comune di Milano, al numero (a pagamento) 02.02.02

 

Leggi anche:

Foto furgone BikeMi Milano parcheggiato su area disabili in via Filzi all’una del pomeriggio, gli scatti inviati da un lettore

Esenzioni Area C Milano malati cronici, la bufala del Comune, intervista di Cronacamilano

Ticket Area C Milano, corsi Croce Rossa sospesi perché Comune nega esenzioni ai volontari

Area C Milano, le promesse fatte e non mantenute dal Comune su Area C

 

Di Redazione

2 COMMENTI

    • Io mi ero già premunito comprando le buste per immondizia su di un sito specializzato, però penso che le buste nere possano essere riutilizzate in altre cose, ci sono addirittura alcuni che le riciclano facendone borse e scarpe. Ciao, Mario.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here