Sieropositivo stupra donna belga via Cirié, “Voglio infettare tutte le donne”

PoliziaE’ accaduto a mezzanotte circa di ieri in via Cirié.

 

Il terrificante episodio si è svolto ai danni di una donna belga di 32 anni, che aveva conosciuto il suo aguzzino, Roberto C., plirigiudicato 46enne, sieropositivo, alcune settimane fa presso il dormitorio di viale Ortles.

 

Secondo quanto emerso da una prima ricostruzione, fornita alla Polizia dalla stessa vittima, i due avevano successivamente deciso di vivere insieme nella casa di lui, in via Cirié.

 

La donna, a conoscenza dello stato di salute dell’uomo, aveva avuto con lui rapporti sessuali protetti ma, secondo quanto dichiarato agli agenti, ultimamente Roberto C. insisteva sempre più veementemente per avere rapporti senza protezione.

 

Le richieste sono esplose nell’aggressione di ieri notte, durante la quale l’uomo ha costretto la 32enne ad un rapporto senza preservativo, picchiandola e usandole barbara violenza.

 

La donna, appena potuto, ha chiamato il 113; gli agenti subito sul posto l’hanno trovata in strada, con evidenti segni di violenza sul corpo.

 

A questo punto la vittima è stata portata al Niguarda, dove i medici hanno confermato la violenza subita e, secondo quanto emerso, pare che già 7 anni fa la sfortunata ragazza fosse stata vittima di un’altra violenza sessuale in zona Stazione Centrale.

 

L’aguzzino intanto è stato arrestato per violenza sessuale e, secondo le ricostruzioni, sembra che l’uomo avesse gridato: “Voglio farlo senza preservativo perché voglio infettare tutte le donne“.

 

Leggi anche:

Stupro turista milanese Ferrara, ragazza di 26 anni vittima di un immigrato clandestino senegalese

Stupro via Imbonati arrestato colpevole mentre stava ancora abusando della sua vittima

Stupro via Pasteur 4 sudamericani contro una ventiduenne romena

Stupro di gruppo: l’hanno drogata, picchiata e violentata per ore

Tentato stupro ragazza sordomuta Novara, Pernate, arrestato tunisino di 32 anni  

magrebino stupra per ore una ragazza bresciana 

 

Di Redazione
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here