Donna pakistana violentata da marito a Castano Primo, aveva partorito 3 femmine e solo due maschi

E’ successo a Castano Primo (Mi).

 

Secondo quanto spiegato dai Carabinieri, una giovane donne di 28 anni, di origine pakistana, subiva da mesi le sevizie del marito 43enne, connazionale.

 

Per quanto incredibile, l’uomo accusava la moglie di avergli dato 3 figlie femmine e “solo” due maschi, “rifiutandosi” ora di “pareggiare i conti” a causa di una capacità economica insufficiente ad accogliere un nuovo figlio.

 

Per tale motivo l’uomo la sottoponeva a continue percosse anche con l’uso della cintura, maltrattamenti, divieti di uscire di casa e violenze sessuali.

 

Stremata, raccogliendo il coraggio in un momento di assenza del coniuge, la giovane si è recata alla Stazione dei Carabinieri di Castano Primo dove ha raccontato tutto ai militari.

 

Intervenuti, i Carabinieri hanno affidato la donna agli assistenti sociali del Comune di Castano Primo, ora occupati di collocarla in un posto protetto insieme ai bambini.

 

Per il marito invece, su ordine del Gip della Procura di Milano, sono scattate le manette.

 

Leggi anche:

Arresto pachistano Milano, accusato di voler costringere la figlia a sposarsi, evade dai domiciliari per non far uscire di casa la moglie

Arresto senegalese Milano, per mesi ha torturato e picchiato la fidanzata italiana di 25 anni, legandola con cinghie e rinchiudendola in casa

Colpi di ascia contro la porta della ex in zona via Novara, via Albenga

Spara contro casa della moglie via Forze Armate

Arresto tunisino Legnano, moglie picchiata e ridotta in schiavitù per una gelosia folle

Arresto ecuadoriano via Meli Milano per maltrattamenti alla moglie

Arresto ecuadoriano ubriaco Rho mentre picchia moglie: le ha sbattuto la testa contro il muro e l’ha coperta di calci e pugni davanti ai figli

Ragazza quasi soffocata da padre musulmano Milano, punita perché sorpresa a parlare con un ragazzo

Imprigionata a casa dal convivente ossessionato dal tradimento, un’odissea durata 18 mesi

Vice sindaco di Milano a festa del Ramadan alla moschea di via Padova, indossa il velo e dice che la sua visita è segno del cambiamento d’aria di Milano; commenti

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here