Autovelox Milano – Meda, ricorso, rilevazioni di velocità, procedimenti e foto

Milano_Meda_tratto_Bovisio_MasciagoL’ABBASSAMENTO DEI LIMITI DI VELOCITA’ Al rientro delle ferie si è potuto constatare come su una importante arteria stradale di livello sovracomunale come la Milano – Meda, i limiti di velocità siano stati abbassati dagli originari 110 Km/h agli attuali 70 Km/h mantenendo, però, il limite massimo di 90 Km/h in corrispondenza delle curve di Paderno Dugnano e Meda.

 

LE POLEMICHE

  • Molte polemiche sono nate dopo che i comuni di Bovisio Masciago e Varedo hanno deciso di utilizzare le proprie postazioni autovelox mobili a seguito dell’installazione della nuova cartellonistica lungo i rettilinei, creando paure e preoccupazioni soprattutto negli automobilisti con il “piede pesante”. In questo senso, sarebbero state sollevate, come ormai già risaputo, circa un migliaio di contravvenzioni in soli tre giorni di attività delle due Amministrazioni lungo la superstrada.
  • La principale preoccupazione degli automobilisti è rivolta, a questo punto, alla confusione che è nata sul posizionamento di tali dispositivi autovelox. Dalla stampa locale e dai contributi raccolti in rete, la maggior parte dei conducenti ritene che i dispositivi incriminati siano quelli posizionati in più punti sotto i cavalcavia della superstrada già a partire da Cormano, adducendo anche alla mancanza di cartellonistica adeguata di segnalazione.
  • La paura degli automobilisti è poi rivolta al dubbio che le Amministrazioni, approfittando dei nuovi limiti così ristretti, possano utilizzare le proprie attrezzature di rilevazione della velocità per “fare cassa”, timori indubbiamente motivati quando sulla stampa nazionale si leggono articoli sullo stato di salute finanziaria degli enti locali.

 

COME VENGONO SVOLTE LE RILEVAZIONI DELLA VELOCITA’– Bisogna sfatare ogni tipo di dubbio sulla strumentazione utilizzata dalle Amministrazioni locali sul predetto asse viario. A tale riguardo viene in aiuto la trasparenza del Comune di Bovisio Masciago Masciago (altrettanto non possiamo dirlo per quello di Varedo, che ad oggi non ha pubblicato nessun contributo sul sito), che sul proprio sito istituzionale ha pubblicato, oltre le motivazioni che hanno giustificato l’operato sulla Milano – Meda, due fotografie documentanti come vengono svolte le rilevazioni. Grazie alle fotografie pubblicate (e qui allegate) è stato possibile ricostruire la “scena del delitto” molto facilmente, grazie al portale Google Maps, dove, individuando sulla cartografia aerea i punti esatti dove sono stati collocati rispettivamente il cartello di presegnalazione e l’autovelox mobile, è stato possibile ricavare con buona precisione la distanza tra i due oggetti che, lo ricordiamo, sono indispensabili per poter validare ogni tipo di controllo delle infrazioni. Infatti:

 

  • In una prima fotografia viene presentato il cartello di presegnalazione utilizzato per avvisare gli automobilisti circa la presenza dell’autovelox lungo il tratto di percorrenza.
  • Nella seconda fotografia, invece, viene rappresentato il veicolo utilizzato e dotato di impianto di rilevamento montato all’interno dell’abitacolo.

 

ELEMENTI CHE POTREBBERO SERVIRE PER CONTESTARE LE EVENTUALI CONTRAVVENZIONI**

  • La distanza rilevata è soltanto di circa 180 metri lineari: molto al di sotto della distanza minima prevista che è pari a 250 metri (vedere immagine allegata) come previsto per le autostrade e le strade extraurbane principali. Si sottoline, inoltre, che la circolare del Ministero dell’Interno del 3 agosto 2007 impone la segnalazione della presenza di una eventuale apparecchiatura di rilevamento almeno 400 metri prima del punto in cui l’apparecchio è posizionato. Questo è un primo elemento che potrebbe rendere contestabili le contravvenzioni.
  •  
  • Il secondo elemento è costituito dal colore del cartello di presegnalazione: nel caso in esame è stata utilizzata cartellonistica non idonea, a sfondo bianco con scritte nere, utilizzabile esclusivamente nel centro urbano. La cartellonistica corretta dovrebbe essere blu con caratteri bianchi. Infatti precisiamo che:
  1. nelle strade di livello urbano la cartellonistica corretta è a sfondo bianco con scritte nere (in effetti, se fossimo in un centro abitato tale cartello di presegnalazione sarebbe corretto);
  2. nelle strade statali la cartellonistica idonea è a sfondo blu con caratteri bianchi;
  3. nelle autostrade la cartellonistica – come quella che avvisa della presenza dei tutor – deve essere a sfondo verde.
  • Terzo elemento è il posizionamento del cartello di presegnalazione: a lato carreggiata ad una quota compresa fra il terreno ed un metro di altezza. La Milano – Meda, infatti, presenta due corsie per ciascun senso di marcia. L’automobilista che malauguratamente si trovasse in sorpasso di una serie di mezzi – anche solo autovetture o furgoni – non avrebbe la possibilità di poter vedere con chiarezza il cartello di presegnalazione così posizionato. Appare evidente come in una strada a più corsie il cartello di presegnalazione dovrebbe essere collocato in alto – ad esempio su un cavalcavia – e coprire entrambe le corsie in modo chiaro, anche alla luce del fatto che attualmente sulla prima corsia si concentrano in fila tutti i mezzi che intendono procedere nel rispetto dei nuovi limiti dei 70 Km/h, non lasciando spazi fra un veicolo ed il seguente/precedente.
  • Quarto elemento è la grandezza del carattere dei cartelli di presegnalazione: la grandezza del carattere deve essere proporzionale alla velocità di percorrenza dei veicoli, al pari della grandezza dei caratteri della cartellonistica che indica località, direzioni, uscite, entrate, ecc.
  • Un ultimo elemento è costituito dai dubbi sollevati in rete,  ad opera di molti automobilisti, circa la possibilità che il cartello di presegnalazione montato a Cormano possa valere anche, ad esempio, all’altezza di Paderno Dugnano. Ciò non è possibile, semplicemente perché tra il cartello e l’autovelox non devono esserci immissioni di pubbliche vie sul tratto di asse compreso fra i due elementi.

 

AUTOVELOX DEL COMUNE DI SEVESO – Oltre ai comuni di Bovisio Masciago e Varedo, anche il Comune di Seveso ha la disponibilità di un autovelox mobile che per certo è stato utilizzato nel mese di luglio scorso per rilevazioni sulla Milano – Meda. E’ stata verificata la dotazione della cartellonistica in loro possesso – anche qui grazie alla gentilezza e trasparenza dell’Amministrazione – e, ad oggi, anche loro stanno operando con un cartello rettangolare verticale a sfondo bianco montato su cavalletto recante testo e simbologia – non conforme per colore se utilizzato sulla Milano – Meda – . Alla luce di ciò non è da escludere che, nel corso del mese di settembre, anche loro possano effettuare delle “giornate di rilevazione” lungo la superstrada. Si spera con un cartello regolamentare e ben visibile su entrambe le corsie.

 

**tali elementi costituiscono solo degli spunti teorici, e non vogliono in alcun modo essere metodi garantiti per vincere un ricorso

 

Leggi anche:

Autovelox Milano-Meda attivi tra Varedo e Bovisio

Autovelox Milano – Meda limite 80 km/h da ottobre

 

 Alfredo Bonfanti

(utilizzatore quotidiano della Milano – Meda)
 
 
 

17 COMMENTI

  1. Grandissimi i tutori della “nostra sicurezza stradale”; soprattutto se stazionano sotto un ponte (severamente vietato). Se fossi un avvocato li denuncerei per aver infranto il codice e per aver messo a repentaglio la vita di chi, in caso di incidente, trovandosi la macchina dei vigili ferma sotto il ponte, avrebbe avuto un intralcio non indifferente (non a caso non si può sostare sotto i ponti).
    ma che bel paese ” l’Itaglia”

  2. Bell’articolo, completo e con tutte le informazioni disponibili.
    E’ imbarazzante il silenzio della provincia su questa situazione: la SS35 è di loro competenza…

  3. La provincia di Milano non si esprime perchè le polemiche sugli autovelox non è affar suo. Del resto, come ho già sostenuto, se avesso abbassato i limiti a 70 Km/h senza che i Comuni si fossero attivati con le loro postazioni autovelox mobili, non sarebbe accaduto nulla! Garantito al 100%.

    Ma sul fronte Comune di Bovisio Masciago c’è una importantissima novità. Entra in gioco il Sindaco Galimberti che, dopo le polemiche e le mie precisazioni che ho inviato una settimana fa al Comandante dei Vigili, qualcosa sta cambiando, sembra quasi un ravvedimento dell’ultima ora.
    Avranno valutato che i possibili ricorsi potrebbero innescare danni seri al bilancio dell’Amministrazione perchè le rilevazioni sono avvenute con una procedura non proprio regolare (vedi articolo sopra), circostanziata da prove evidenti e verifiche.
    Ricordo che se ogni multato proponesse col proprio avvocato un ricorso, il danno per l’Amministrazione sarebbe elevato!

    Copio e incollo la dichiarazione del Sindaco di Bovisio Masciago e la relativa informativa apparsa sul sito istituzionale:

    http://www.comune.bovisiomasciago.mi.it/news/5/103/1239/

  4. ciao, scusatmi se faccio una domanda stupida……ma io qst cosi detto cartello nn l’ho mai visto in qst gg e l’ho fatta tutti i giorni e poi nn sono sicuro ma il cartellone elettronico all’altezza dell’uscita 6 dicono che rileva anche quello la velocità e vero?
    cmq la rilevazione elettronica c’è sempre stata sulla milano meda all’altezza dell’uscita di bovisio senza cartelli….
    grazie

  5. solo poche parole : l’ italia non sta a guardare la sicurezza del cittadino con questi aggeggi ma pensa solo a RUBARE nelle tasche di noi poveri lavoratori che li sudiamo questi soldi !!! Nessuno ha interesse sulla vita degli altri !!!! ITALIA PAESE DI LADRI!!!

  6. Sono incazzato come una belva!!!
    Ma quale sicurezza, ma non dicano stronzate! Mille verbali da 170 euro come il mio (si perchè sfrecciavo come un bolide a ben 10Km/h oltre lo strepitoso limite di 70) fanno un bel regalo alle casse di Bovisio.
    Queste sono truffe belle e buone, sciacallaggio ai danni di gente che va a lavorare.
    A parte il nervoso, CONCRETAMENTE: se facciamo piovere centinaia di ricorsi, tutti uguali… facciamo una sorta di “class action”, facciamoci scrivere il ricorso da un principe del foro che sia un vero “guru” dei ricorsi. Facciamo qualcosa!
    Io comunque farò ricorso, farò le pulci sul più cavilloso dei dettagli, vizi di forma e quant’altro, non bastassero i già validissimi motivi qui suggeriti.
    Piuttosto che pagare QUESTA truffa do fuoco alla macchina davanti al comune di bovisio…

  7. E aggiungo: il sindaco dice (a “dimostrare” che il loro intento non è FARE CASSA) che non piazzano l’autovelox nelle ore di punta… Ma ci prende in giro ???? Nelle ore di punta riuscire a fare i 70Km/h avrebbe del MIRACOLOSO!
    Oltre al danno la beffa…

  8. @ Alfredo: grazie per il link, sicuramente domenica scaricherò e firmerò il modulo. E grazie per tutte le info!!!
    Per ora niente verbali, ma erano giorni in cui andavo a lavoro e quindi ogni giorno potrebbe essere quello “buono”…

    @Corrado: al 23 di agosto, nelle ore di punta potevi fare anche i 140. Non c’era quasi nessuno.

  9. Ma mi chiedo per i comuni è più importante la sicurezza o i soldi dei proventi!
    Non si vede mai una pattuglia dei vigili che passa per controllare la regoalre circolazione tranne quando devono fare servizio Autovelox, l’importante che hanno avuto la denominazione di Polizia Locale, ma alla fine sempre Vigili Urbani rimangono e restano al servizio delle casse comunali.

  10. Ciao a tutti io ho ricevuto il verbale della polizia di bovisio masciago per eccesso di velocità (170 euro e 5 punti). Vorrei sapere come procedere per effettuare la contestazione proponendo i punti spiegati ottimamente sopra. Grazie

  11. Sono rimasto inchiappettato anch’io: verbale del 1 aprile, 170eur e 3 punti per 96km/h con limite a 80km/h.
    Localita’ Seveso, al kn 141.5 direzione Milano (distributore Q8).
    Questa settimana ho visto il furgone della polizia locale piazzato di nuovo li’ per 3 giorni di seguito, con il mini-cartello di avviso per terra (a non piu’ di 200m) bianco con scritta nera. Quindi il tipo e il posizionamento del cartello potrebbero essere elementi contestabili.
    Qualcuno ha provato il ricorso basandosi sul cartello di avviso non conforme?
    ATTENZIONE QUINDI AL RETTILINEO VERSO MILANO – DISTRIBUTORE Q8.

    Inoltre, un collega mi ha detto che c’e’ un decreto legge (o equivalente) che da’ diritto esclusivo alla POLIZIA STRADALE (POLSTRADA) al controllo velocita’ su superstrade (oltre che autostrade), ESCLUDENDO LE POLIZIE LOCALI (MUNICIPALI) DAI CONTROLLI SU SUPERSTRADE.
    QUALCUNO PUO” CONFERMARE O SMENTIRE ?

    Grazie1000

    PS: concordo al 100% con i commenti delle altre vittime incazzate. Siamo DERUBATI, questi sono altri FURTI LEGALIZZATI E ABUSI DI POTERE.
    BISOGNA FARE QUALCOSA, NON SI PUO’ SEMPRE TIRAR GIU’ LE BRAGHE

    ciao
    Paolo

  12. Sì anche io sono a quota 3 multe. La prima l’ho pagata anche se, pensate un po’, era riferita al 10 agosto… E’ scandaloso! E anche io percorro la MEDA tutti i giorni ed il cartello non l’ho mai visto.
    Senza contare, pergiunta, i punti tolti dalla patente.
    Per favore ditemi se si può fare qualcosa.
    Grazie mille.
    Anna

  13. purtroppo prima o pagato e poi mi sono collegato per informazione, la multa appena arrivata e secondo loro l’infrazzione e avvenuta il 15/08/2013 comune di Paderno Dugnano limite 100 io andavo a 110 e vi assicuro che non o visto nessuno ma dove si inboscano sti ladri la multa lo già pagata non credo si può fare ricorso mi informerò spero solo che i 137,40 € servono a chi la rilevata per medeicine soprattutto supposte non si inganna e si deruba cosi

  14. Ho ricevuto anch’io una multa per eccesso di velocità andavo a km 110 orari alle ore 00.56 del giorno 07/10/13 al Km 134 S.S. 35 Milano -Meda altezza Paderno Dugnano mi sono collegato al sito indicato per visionare fotografia della infrazione ma ricevo solo risposta “infrazione non trovata verificare dati inseriti ” i dati inseriti sono quelli indicati nel verbale di accertamento. Come ci si comporta in questo caso?? bisogna pagare o fare ricorso ? ringrazio anticipatamente chi mi risponde. PS chi mi paga tutte le ore lavorative perse su quel maledetto tratto al mattino e sera?.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here