Sequestrato locale Do Re Mi via San Dionigi zona corso Lodi, era stato trasformato in una discoteca abusiva

Polizia_LocaleL’operazione è avvenuta la scorsa notte ad opera della Polizia Locale, che stava conducendo controlli in zona Corvetto e Corso Lodi. Gli agenti  hanno quindi chiuso il locale notturno “Do-Re-Mi” in via San Dionigi, trasformato abusivamente in discoteca.

 

Al momento dell’irruzione, i poliziotti hanno trovato un improvvisato dj sudamericano, ventenne, che diffondeva musica a tutto volume per 250 connazionali, la maggior parte ubriachi.

 

Il gestore, un peruviano sui 40 anni, è stato denunciato per mancanza delle autorizzazioni necessarie a svolgere attività danzante (art. 68 del Tulps, Testo unico delle leggi della pubblica sicurezza).

 

Il locale aveva infatti i permessi per svolgere intrattenimenti musicali (concerti e spettacoli), ma non l’agibilità come sala da ballo.

 

Secondo quanto emerso, è il secondo intervento che la Polizia Locale realizza in appena 20 giorni nel medesimo locale, oggetto di reclami da parte di cittadini a causa di ordine pubblico, schiamazzi e disturbo della quiete pubblica. Il titolare era già stato denunciato per l’art 68 del Tulps .

 

“Grazie ai controlli per le ordinanze – commenta il vicesindaco  e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato – la Polizia Locale ha scoperto una discoteca abusiva: ciò a testimonianza  degli importanti effetti ad ampio raggio che i provvedimenti sindacali stanno avendo nei quartieri più critici.

 

“Il contrasto alla movida selvaggia, a tutela degli stessi avventori quando mancano i fondamentali requisiti per la sicurezza, va avanti senza tregua, – aggiunge De Corato, – come da sempre si è fatto. Da inizio anno, si autonomamente oppure grazie ai servizi congiunti con il pool della Procura composto da Polizia di Stato, Polizia Locale, Vigili del Fuoco, Asl e Siae e coordinato dal procuratore  aggiunto Nicola Cerrato, sono stati messi i sigilli a 21 locali, 6 discoteche e a 15 circoli privati.

 

L’Annonaria – sottolinea il vicesindaco – nei primi sei mesi del 2010 ha svolto poi 819 controlli. Tra questi ben 115 hanno interessato discoteche, con 14 violazioni a regolamenti e una denuncia. Altre 53 violazioni sono state rilevate presso bar che svolgevano attività di pubblico spettacolo e hanno determinato 15 denunce. Mentre 197 ispezioni a circoli privati hanno comportato 57 violazioni amministrative e 10 segnalazioni all’autorità giudiziaria. Circa 170 controlli hanno poi riguardato il rumore e hanno fatto scattare 3 denunce. Il contrasto ai decibel selvaggi, pertanto, non è mai mancato. Anche se va fatto notare che la normativa delega il rilievo del livello acustico all’Arpa, che è dotata degli appositi strumenti tecnici”.

 

Leggi anche:

Rissa discoteca Fellini Pogliano Milanese, tornano con una pistola, uno sfollagente in acciaio e un manganello in legno di 50 centimetri

Polizia capannone via Caldesi zona Bovisa, sequestrata una discoteca abusiva dopo aver intercettato gli annunci della serata su internet

Chiusa la discoteca Matisse Città Studi piazza Carlo Erba

Polmone perforato fuori da discoteca Corso Buenos Aires, arrestato un etiope

Rissa discoteca via Don Minzoni tra 7 peruviani ubriachi

 

Di Redazione

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here