Scritte anarchiche su ambulanza Croce Rossa di Monza, Gussoni: Atto vigliacco contro chi aiuta ogni giorno

Un paradosso, compiuto da chi ha usato il buio della notte per colpire “alle gambe” la Croce Rossa, presente in questi giorni più che mai nel prestare soccorso a chiunque si trovi in difficoltà, a partire dalle popolazioni dell’Emilia Romagna colpite dal terremoto.

 

L’atto si è verificato la scorsa notte a Monza, dove gruppi di anarchici avrebbero imbrattato con scritte e volantini un’ambulanza adibita al servizio 118.

 

“Mentre la Croce Rossa Italiana ogni giorno presta soccorso agli ammalati e alle persone colpite dal terremoto in Emilia, ci sono dei vigliacchi che di notte assaltano i nostri mezzi di soccorso rendendoli inagibili ha dichiarato Maurizio Gussoni, Commissario della Croce Rossa della Lombardia.

 

L’atto vandalico, infatti, ha reso temporaneamente inutilizzabile l’ambulanza adibita al 118, che questa mattina sarebbe stata impiegata per svolgere un trasporto programmato, e che non potrà prestare servizio fino al suo completo ripristino .

 

“Si tratta del terzo atto vandalico in due anni – spiegano dalla CRI – eseguito ai danni della sede e dei mezzi della Croce Rossa Italiana a Monza”.

 

Proprio il mese scorso avevamo dato voce all’accorato appello di Mirko Damasco, Commissario Provinciale Croce Rossa Italiana di Monza e della Brianza. Damasco ci aveva spiegato che da martedì 3 maggio 2012 i 20 mezzi a disposizione della Croce rossa monzese sono “rimasti in strada”, in quanto  non hanno più potuto disporre dell’autorizzazione a utilizzare l’autorimessa dove sono sempre stati accolti.

 

La situazione ha prevedibilmente creato non pochi disagi, sia nell’operatività dei volontari (che devono recuperare il mezzo lungo tutta via Piave), sia per la serenità dei residenti, che si sono trovati privati di numerosi parcheggi, in uno spazio viabilistico da dividere “forzatamente” con veicoli anche grossi ed ingombranti.

 

Da qui la l’appello di Damasco, che aveva detto improrogabile l’esigenza di iniziare i lavori per interrare i parcheggi in via Correggio. Unico ostacolo:  i costi dell’operazione (per tutti i dati necessari ad effettuare una donazione, CLICCA QUI)

 

“Con questa comunicazione, la Croce Rossa di Monza lancia un appello accorato – aveva dichiarato Mirko Damasco rivolgendosi a tutti i cittadini. – Per la costruzione in Via Correggio mancano ancora 400.000 euro che nessuno ci dà, necessari per l’interramento dei parcheggi. Sono soldi che dobbiamo trovare entro la fine di luglio – aveva aggiunto – e se non li troveremo non potremo iniziare a costruire.

 

Grazie di cuore contiamo su di voi”, aveva concluso il commissario provinciale della CRI di Monza e Brianza.

 

Purtroppo, tra i tanti cittadini che hanno aderito all’appello, è giunta ieri notte anche una partecipazione spregevole e decisamente indesiderata: le indagini, per risalire ai responsabili, sono aperte.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni per qualsiasi vostra esigenza economica, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Ecopass Milano, ci sono le deroghe ma non per i volontari della Croce Rossa

Esenzioni area C Milano Croce Rossa, il Comune confonde le idee ma i volontari CRI dovranno pagare

Ticket Area C Milano, corsi Croce Rossa sospesi perché Comune nega esenzioni ai volontari

Di Redazione

1 COMMENTO

  1. Si ma dove sono le scritte? Che scritte sono? Siete sicuri che sia opera di Anarchici? Prima di sparare a zero sugli Anarchici (perché tanto puntate il dito SEMPRE sugli Anarchici) trovate il VERO colpevole! Perché non credo che chi crede nella A cerchiata vandalizzi mezzi o altro della Croce Rossa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here