Truffa specchietto Opera, Rozzano e Milano, fermati due sospetti: la banda sta flagellando la zona

Dopo indagini e appostamenti è stata fermata la banda degli specchietti, un vero e proprio tormentone per gli automobilisti in transito lungo la strada che collega Opera a Rozzano costeggiando l’Abbazia di Mirasole. Qui, due cittadini a bordo di una Ford sono stati riconosciuti dagli agenti della Polizia Locale di Opera che hanno fatto scattare il fermo prima dell’ennesimo raggiro ai danni di malcapitati automobilisti.

 

LA DINAMICA DELLA TRUFFA: L’URTO DELLO SPECCHIETTO – Il copione utilizzato dalla banda era sempre lo stesso: urtando leggermente le vetture, specialmente quelle guidate da donne, i truffatori costringevano gli automobilisti a fermarsi, mostravano loro lo  specchietto rotto e, convincendo i conducenti di essere gli artefici del danno, gli proponevano un accordo per il risarcimento.

 

IL RISARCIMENTO RICHIESTO, DAI 50 AI 100 EURO – Cinquanta, cento euro al massimo da pagare subito per evitare la constatazione amichevole e l’eventuale aumento dell’assicurazione. Un trucco vecchio ma che, in parecchi casi ha funzionato.

 

I DATI PARZIALI ANNOTATI DALLE VITTIME – In altri, fortunatamente no, tanto da spingere le mancate vittime a segnalare il  fatto alle forze dell’ordine.

– Purtroppo, le denunce non hanno mai riportato indicazioni precise circa la vettura: solo qualche indicazioni parziale della targa o del modello dell’auto.

– Con questi elementi, però, gli agenti operesi hanno dato il via alle indagini iniziando a presidiare la strada che, attraverso le campagne, non è tra le più battute.

 

IL FERMO DI DUE SOSPETTI – Ieri l’avvistamento di un auto che poteva racchiudere tutti gli elementi in loro possesso, quindi il fermo. Saranno ora i Carabinieri a dover ricostruire il numero di truffe messe in atto nel luogo incriminato ed in eventuali altre zone del sud Milano a coronamento dell’attività della Polizia Locale di Opera.

 

IL COMMENTO DEL SINDACO DI OPERA – “Siamo sempre sul pezzo – il commento del Sindaco Ettore Fusco (LN). – Dire che nulla ci sfugge può apparire presuntuoso, ma è quasi un dato di fatto. Il nostro Comando è attivo dalle 7 alla 1 di notte, conta 17 addetti tra Comandante, ufficiali ed agenti, e si occupa di sicurezza a 360 gradi. Sanzioni si, ma soprattutto tanta prevenzione. Come quella che preserva i nostri confini dalle invasioni di campi nomadi e prostitute oppure quella legata agli incidenti. Un calo del 30% in questi ultimi anni a tutto vantaggio della sicurezza stradale, della salute dei nostri automobilisti e perché no, anche del portafoglio che non deve aprirsi per cure mediche e riparazioni d’auto. E da oggi, sulla consortile tra Opera e Rozzano, si circolerà con maggiore sicurezza”.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Truffa dell’urto dell’auto e della strisciata Milano piazza Maggi, un lettore racconta che un’auto l’ha urtato e il conducente ha chiesto 150 euro di danno in contati per evitare di coinvolgere l’assicurazione: era una truffa

Truffa specchietto auto Milano via Gallarate, 220 euro per un danno procurato apposta

Truffa vendita auto BMW Milano, una vittima scrive a CronacaMilano e racconta la sua odissea

Furto Rolex viale Umbria, la vittima contatta Cronacamilano e racconta com’è andata

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here