Cadavere ritrovato a Porto d’Adda, è un operaio di 39 anni di Concorezzo

DecessoE’ stato riconosciuto dai parenti il cadavere trovato ieri mattina dai Carabinieri nelle acque che attraversano Porto d’Adda, una frazione di Cornate d’Adda.

 

Si tratta del 39enne Fabio C., operaio celibe di Concorezzo, un Comune in provincia di Monza e Brianza.

 

Da quanto emerso, sembrerebbe che Fabio C. avesse lasciato alcuni biglietti, poi ritrovati dai parenti, in cui avrebbe manifestato di voler tentare il gesto estremo.

 

Secondo le indagini eseguite dai Carabinieri di Vimercate, il 39enne, lo scorso giovedì, il giorno stesso della denuncia di scomparsa da parte dei parenti, avrebbe parcheggiato vicino al ponte di Paderno d’Adda, nel lecchese, e da lì si sarebbe buttato nel canale sottostante.

 

Il corpo sarebbe quindi stato trasportato dalla corrente per circa due chilometri fino all’altezza della centrale “Bertini”.

 

Secondo gli accertamenti, al momento del tragico ritrovamento, il corpo non presentava nessun tipo di lesioni.

 

Leggi anche:

Modello si suicida buttandosi dalla finestra prima di sfilare per Versace, si dice per motivi di cuore

Suicidio diciottenne via Vincenzo Monti zona Cadorna Milano

Tentano di suicidarsi col gas in via Bordighera e vengono arrestati per strage

Soffoca la moglie e tenta di suicidarsi a Legnano, il gesto disperato di un anziano dopo 65 anni di matrimonio

Tentato suicidio Stazione Centrale, via Soperga

Disabile suicida via Zoagli per amore

Suicida invia sms a sconosciuto e viene salvata

Suicidio metropolitana Porta Venezia, gravissima una ragazza austriaca

 

Di Redazione
 
 
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here