Sequestro droga dello stupro Gdf Milano, altre 57mila dosi confiscate dai finanzieri

L’operazione è stata compiuta dal Gruppo Pronto Impiego della Guardia di Finanza di Milano, i cosiddetti “Baschi Verdi”, in sinergia con altri reparti della Gdf del Comando Provinciale di Milano. L’attività dei finanzieri ha portato al sequestro di 28 litri di Gamma Butirro Lattone, sostanza meglio conosciuta con i nomi di GBL, ecstasy liquida o droga dello stupro. La quantità confiscata dai militari avrebbe prodotto 57mila dosi di stupefacente da immettere sul mercato, per un valore di 600mila euro.

 

 

COS’E’ LA DROGA DELLO STUPRO? IL COMANDANTE MANUCCI SPIEGA CARATTERISTICHE ED EFFETTI – “Il GBL è inodore e insapore – ci spiega il Ten. Col. Massimo Manucci, Comandante del Gruppo Pronto Impiego della Gdf di Milano. – Ne è sufficiente anche una sola goccia, diluita in una bevanda, per poter approfittare del successivo indebolimento e della perdita dei freni inibitori delle persone prese di mira, generalmente donne.

– “Proprio per tale motivo la sostanza è soprannominata ‘droga dello stupro’ – prosegue il Comandante Manucci. – Infondendo uno stato di totale incoscienza nelle vittime, infatti, rende possibile abusarne senza che poi ricordino nulla.”

– “A differenza dell’ecstasy, che causa eccitazione, il GBL ‘addormenta’ il sistema nervoso, provocando disturbi sulla memoria e sull’orientamento – sottolinea il Comandante Manucci. – Da qui la triste fama di essere utilizzato nei ‘date rapes’, cioè gli ‘appuntamenti con stupro’, a causa della compromissione della memoria che genera durante e dopo il suo effetto, e che inizia già  dopo un quarto d’ora dalla sua assunzione (a seconda del dosaggio), permanendo circa 2 – 3 ore.

– “La vittima, il mattino seguente, non riesce a ricordare gli ultimi avvenimenti – conclude il Comandante. – E gli effetti possono essere devastanti: aritmie cardiache, degenerazioni del cervello, danni al fegato e ai reni, sonno improvviso, perdita di memoria, a volte anche la morte”.

 

L’OPERAZIONE DEI FINANZIERI – Durante l’operazione, i Baschi Verdi hanno sequestrato 28 litri di GBL, pari a 57.000 dosi, per un valore commerciale di 600.000 euro.

– Le persone segnalate all’Autorità Giudiziaria sono state 32. Di queste, 22 sono state arrestate, 6 denunziate a piede libero e 4 sono in corso di identificazione.

– Secondo quanto spiegato, la droga veniva immessa sul mercato attraverso un commercio internazionale basato su siti internet e, per il quale, Milano era snodo fondamentale.

– L’operazione odierna, infatti, fa seguito alla precedente operazione denominata “aroma compound”, con la quale le Fiamme Gialle hanno concluso una approfondita attività investigativa sul territorio di Milano, interrompendo un flusso di approvvigionamento GBL lungo l’asse settentrionale Europa-Italia.

 

IL PROBLEMA DEL MONITORAGGIO DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE VIA INTERNET – “‘Aroma compound’ è la conferma dell’allarme lanciato nell’aprile scorso dall’osservatorio europeo delle droghe e tossicodipendenze – riprende il Ten. Col. Massimo Manucci, Comandante del Gruppo Pronto Impiego della Gdf di Milano. – Le modalità, infatti, attraverso le quali queste nuove droghe arrivano sul mercato (in questo caso il commercio internazionale attraverso internet, ndr), mettono in crisi le abituali procedure per il monitoraggio. Sono infatti ben 41 le sostanze sintetiche scoperte con gli stessi effetti delle droghe illegali, la cui disciplina normativa non trova pari trattamento all’interno dei diversi stati.

– “La gravità del fenomeno – precisa il Comandante, – ha spinto la stessa commissione europea a riunirsi, al fine di aggiornare gli strumenti giuridici dell’UE in materia di politica antidroga, prevedendo in tal modo normative che possano contrastare la vendita online ed assicurare incisivi controlli sui precursori chimici delle droghe sintetiche.

 

IL CRIMINE? NON PAGA – “Il risultato operativo testimonia ancora una volta – conclude il Comandante Massimo Manucci – quanto sia efficace la rete nell’abbattere i confini internazionali garantendo un lungo anonimato a coloro che la sfruttano per scopi illeciti. E proprio per tale motivo, le nostre indagini proseguono più serrate che mai.”

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Se cercate consigli per risparmiare sulla spesa dei beni di consumo quotidiani, o desiderate vengano approfondite particolari tematiche economiche, nonché per tutte le vostre segnalazioni e foto circa  foto circa incidenti, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scrivete a  redazione@croncamilano.it

 Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ognuna delle richieste ricevute, al fine di stare vicino ad ogni cittadino, che potrà esprimere le proprie problematiche quotidiane senza “filtri politici”

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Droga dello stupro Milano, sequestro 45 litri di sostanza pari a 91mila dosi e arresto 25 persone

Sequestro droga dello stupro Milano, pronte mille dosi: una goccia tramortisce per 2 o 3 ore, è inodore e insapore

Dimostrazione cani antidroga Gdf Milano presso scuola Achille Mauri, fotogallery e video

Effetti cannabis, marijuana e hashish, conosciamo meglio le ‘droghe leggere’ e vediamo se fanno davvero così male oppure no, soprattutto a giovani e adolescenti

Smart drugs e smart shop, allarme a Milano e in Italia 

V.P.

Foto Wikipedia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here