Writers condannati a lavori socialmente utili, estinto il reato per un ragazzo argentino e uno cingalese

WritersDue writers hanno estinto il reato dopo aver lavorato ciascuno 150 ore svolgendo attività socialmente utili a favore del Comune.

 

Lo ha deciso ieri mattina il giudice di pace nel processo che vede imputati un cingalese e un argentino accusati di aver imbrattato nel settembre 2007, con delle tags a vernice spray, 3 edifici privati di via Washington. Soddisfazione del Comune che si era costituito parte civile.

 

E’ il terzo caso a Milano che si risolve in questo modo, nonché l’ottavo procedimento che si chiude con la condanna dei responsabili dell’imbrattamento o la riparazione del danno provocato.

 

Il 30 aprile scorso il giudice di pace aveva accolto la richiesta che i due graffitari, oggi 25enni, al fine di riparare il danno svolgessero lavori socialmente utili a favore del Comune.

 

Gli imputati hanno sottoscritto un accordo che li ha impegnati ciascuno per 150 ore complessive di servizio.

 

Nell’udienza di ieri il giudice ha verificato il lavoro svolto e ha decretato l’estinzione del reato.

 

“In questo caso – afferma De Corato – l’Amministrazione ha proposto, come è già accaduto in altri processi, che il danno fosse ripagato svolgendo lavori socialmente utili a favore di anziani o disabili. Una soluzione educativa e formativa che sta riscontrando apprezzamento unanime e che continueremo ad avallare laddove possibile. E sull’attività svolta per circa 3 mesi dai due graffitari c’è un giudizio positivo.

 

“Da quando è stato istituito il Nucleo Decoro Urbano in seno alla Polizia Locale sono 75 i writers denunciati – spiega De Corato. – Sono poi 8 i processi già chiusi con condanne dei responsabili a pagare multe salate o a riparare il danno con attività socialmente utili o ripulendo i graffiti. Sono inoltre 4 le presenze del Comune in procedimenti in corso come parte civile, 43 le multe inflitte nei primi 8 mesi del 2010 per l’ordinanza anti-graffiti che prevede una sanzione di 450 euro contro chi imbratta immobili pubblici o privati”.

 

Leggi anche:

Cadorna, testato nuovo software di “videosorveglianza intelligente”: seleziona le immagini e dà l’allarme in caso di risse, writers, atti vandalici e altro

Denunciati writers via Marco Polo, erano “armati” di 15 bombolette spray

Writers muro antigraffiti passaggio pedonale via Farini e via Pepe, colto in flagrante un 25enne italiano

Emessa la sentenza per i 2 writers che avevano disseminato “tag” lungo corso Vittorio Emanuele, via Dante, largo Cairoli e foro Bonaparte

Polizia via Tabacchi sorpresi 5 tredicenni mentre imbrattavano un muro con bombolette spray rosse e blu

Lato sinistro del Duomo: 4 metri di lunghezza per scrivere “Barca merda”

Vernice, scritte e liquido infiammabile contro il portone della Cairo Editori, corso Magenta 55

 

Di Redazione
 
 
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here