Multe Milano Meda, ancora proteste per la sproporzione tra infrazione e sanzione; continuate a scriverci delle vostre esperienze

Di seguito la segnalazione inviata dal un lettore alla nostra Redazione (redazione@cronacamilano.it), ancora una volta sulla ormai famigerata tratta Milano – Meda. Il lettore si accoda a precedenti proteste pubblicate su CronacaMilano, condividendo le osservazioni di chi ritiene giusto utilizzare un sistema sanzionatorio a tutela la sicurezza stradale, stigmatizzando però la sproporzione tra le infrazioni commesse e i verbali elevati. Inoltre, dopo aver ricevuto il verbale, il cittadino spiega anche di non essere tuttora riuscito a visionarne la relativa fotografia, in teoria recuperabile sul sito della Provincia. Nel dettaglio:

 

LA SPROPORZIONE TRA LA GRAVITA’ DELL’INFRAZIONE E LA SANZIONE –“Buongiorno, mi riallaccio alla segnalazione del sig. R.N. – scrive il signor A.B., – per dichiararmi d’accordo con lui circa la sproporzione tra gravità dell’infrazione ed entità della sanzione.

– “Per aver superato di 4 Km/ora il limite di 80, – aggiunge il nostro lettore, – devo pagare 70 € (e passi). Ma, se ho ben compreso, se lo dovessi fare una seconda volta sarebbero ben 230 € più i punti della patente.

– “Facendo le debite proporzioni – dice ancora il cittadino, – chi passa con un semaforo rosso dovrebbe essere fucilato alla schiena!

 

I LIMITI SONO GIUSTI, MA DOVREBBERO ESSERE MEGLIO MODULATI IN BASE ALLE VELOCITA’ REALMENTE PERICOLOSE – “Tendenzialmente i limiti sono di molto inferiori alle velocità che potrebbero essere realmente pericolose, – osserva ancora il signor A.B., –ma un limite ci dev’essere, ed è giusto che venga calcolato con margini che privilegino la sicurezza rispetto alla necessità (o voglia) di fare presto. Tuttavia, le sanzioni dovrebbero essere meglio modulate.

 

IL TENTATIVO DI OTTENERE LA FOTO DELL’INFRAZIONE VIA INTERNET, ATTRAVERSO IL SITO DELLA PROVINCIA. TUTTO INUTILE – “Per inciso – spiega ancora il nostro lettore, – ho anche cercato di scaricare senza successo, dal sito della Provincia di Milano, la foto che comprova la mia infrazione.

– “Dopo aver inserito i dati richiesti – ha aggiunto ancora il cittadino, – è uscita una scritta che diceva ‘il file è stato regolarmente generato’, ma senza alcuna indicazione su dove poterlo vedere. Dal call center della Provincia mi hanno detto che era stato scaricato automaticamente sul mio PC in formato pdf, ma non ne ho trovato traccia.

– “A questo punto ho inviato una mail per chiedere chiarimenti. – precisa il signor A.B., – Sono stato ricontattato e ho rifatto il tentativo in diretta telefonica con il funzionario della Provincia con i medesimi risultati.

 

LA CONCLUSIONE: PER AVERE LA FOTO DELL’INFRAZIONE, IL CITTADINO DEVE RECARSI PERSONALMENTE IN PROVINCIA, A MILANO. IL LETTORE, PERO’, ABITA A PADERNO – “Conclusione: se voglio la foto, devo consegnare un apposito modulo agli uffici competenti della Provincia, in via Principe Eugenio, a Milano – spiega A.B. –

Abitando a Paderno, però, la cosa non mi è per niente comoda, né in termini di tempo, né, ancora una volta, di costi. Grazie e cordiali saluti.”

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI– Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro

 

Leggi anche:

Multe autovelox Milano Meda Paderno Dugnano, la protesta di un lettore che non contesta la resenza dei rilevatori, ma i limiti di velocità troppo bassi

Multe Milano Meda, un lettore: “Multa di 230 euro e 6 punti di patente perché procedevo a 96 km all’ora alle 5 del mattino, per andare a lavorare”

Autovelox Polizia locale Milano, tutela della sicurezza stradale o soltanto fiume di multe? L’esperienza di un lettore

Multe corsia preferenziale Molino Dorino, riceve 20 verbali per la stessa infrazone: 1720 euro

Tutor su Milano-Meda, Rho-Monza e Padana Superiore, limiti velocità, dettagli, postazioni

Tutor Milano – Meda, facciamo un po’ di chiarezza sulle telecamerine sui cavalcavia in zona Paderno Dugnano e Cormano

Autovelox Milano – Meda nascosto dietro il ponte di Meda, foto e video

Nuovi Autovelox Milano provincia, elenco postazioni e relativi limiti di velocità

Di Redazione

1 COMMENTO

  1. I limiti di velocità vanno ovviamente rispettati ma è assurdo non adeguarli alla potenza e ai livelli di sicurezza che garantiscono le auto moderne, suvvia! Per quanto riguarda la sproporzione tra pena e reato non ci sono parole, tutto studiato ad hoc per mettercelo in quel posto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here