Aggressione tassista via Plinio Milano, suona ad una Mini perché non parte a semaforo verde e il conducente scende con un’arma da fuoco

La segnalazione è stata fatta alla nostra Redazione (redazione@cronacamilano.it) da una coppia di lettori decisamente basiti. Una volta scattato il verde di un semaforo in via Plinio, zona Buenos Aires, alla mancata ripresa da parte di una Mini Minor, i lettori hanno visto che il tassista dietro la vettura ferma ha ripetutamente suonato il clacson. All’improvviso, dalla Mini è sceso il conducente; ecco cos’è successo:

 

ERAVAMO IN VIA PLINIO – “Eravamo a bordo della nostra auto, alle 19,30 di ieri in via Plinio,– spiegano i lettori, marito e moglie. – Eravamo fermi al semaforo e, fin qui, tutto normale.

 

SCATTATO IL VERDE, UNA MINI DAVANTI UN TAXI NON RIPARTIVA” – Quando è scattato il verde – proseguono i cittadini, – abbiamo notato un taxi dietro una Mini Minor verde e, la Mini, era ferma: nonostante il via libera, non partiva.

 

INIZIATO IL TASSISTA A SUONARE, IL CONDUCENTE DELLA MINI E’ SCESO CON UN’ARMA DA FUOCO IN MANO!” – Il tassista ha cominciato a suonare il clacson – continua la coppia – e, all’improvviso, dalla Mini è sceso il conducente: un uomo che senza esitazione si è diretto verso il tassista minacciandolo con un’arma da fuoco!”

 

SIAMO SCAPPATI TERRORIZZATI” – Non sappiamo come sia andata a finire – concludono i lettori, – terrorizzati, siamo ripartiti a razzo!”

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Rapina banca Milano via California, mezzogiorno e mezzo di lama

Accoltellamento via Sammartini Milano, peruviano colpito 10 volte al petto; i residenti: “perché Pisapia, dopo i Navigli, non viene a fare una passeggiata anche qui?”

Ragazza rapinata di borsa e automobile via Spezia Milano, fermatasi in una stazione di servizio è stata minacciata e depredata

Rapine catenina Milano, non c’è un giorno di tregua: altre due donne depredate in zona Bonola e in viale Romagna

Di Redazione

8 COMMENTI

  1. fare gli eroi non è mai una decisione saggia, ma scappare a razzo senza nemmeno pensare di chiamare la polizia… forse forse non è il migliore dei comportamenti.
    dovremmo avere paura di questi atteggiamenti, di questo egoismo. se fossero stati i due lettori al posto del tassista, avrebbero apprezzato che qualcuno invece di fare qualcosa corresse a casa per limitarsi a scrivere al corriere?!

    • Cara Federica, conosco i diretti interessati e posso assicurarti che non sono “corsi a casa limitandosi a dirlo al corriere”! Tutti sempre pronti a giudicare gli altri, tu al suo posto cosa avresti fatto? Saresti rimasta di fianco ad un pazzo armato a guardare la scena?

      E, in secondo luogo, la polizia era già stata allertata da diversi passanti/negoziant!i (ti ricordo che guidare parlando al cellulare ti fa perdere non pochi punti sulla patente!)

      • parlare al cellulare fa perdere i punti della patente?! è un commento che parla da solo.. mi scusi.
        io non sarei andata da nessun pazzo, avrei chiamato le forze dell’ordine (e chissenefrega della patente), senza pensare se qualcuno lo aveva già fatto o meno. io non giudico, ho letto e fatto una triste considerazione. in tutto ciò, spero che il tassista stia bene

      • mi scusi, ma stiamo scherzando, cosa ci vuole ad accostarsi non poco lontano e chiamare una pattuglia? dai, la solidarietà tra cittadini deve venire prima dei punti della della patente. una persona è in balia di un pazzo e tu neanche prendi la targa e schizzi via!!!! forse sono io che vorrei meno menefreghismo quando è il momento!!!!

  2. Prendere la targa e segnalarlo alle forze dell’ordine forse era la cosa più saggia chiamando il 113 o il 112 e segnalare l’accaduto.
    Purtroppo dobbiamo iniziare a collaborare con le istituzioni e fidarci di loro, diversamente di questo passo andremo sicuramente incontro ad una città difficilmente vivibile per i nostri figli.
    Mi auguro che il tassista non abbia subito danni e sia riuscito a segnalare a chi di dovere l’accaduto.

    • provate a chiamare le forze dell’ordine… praticamente escono solo in caso di morte.
      un mio conoscente si è ritrovato l’appartamento svaligiato
      al rientro dalle vacanze. quando ha chiamato il 113
      richiedendo un sopralluogo la risposta è stata: ormai
      cosa veniamo a fare? “venga lei qui che ci racconta l’accaduto”.
      solo multe, quello sì. auto dei vigili per le contravvenzioni. di
      quelle ce n’è a iosa.

  3. Milano é diventata una città invivibile, in zona buenos aires c’é un tipo che ferma i passanti chiedendo moneta, ma se gli dici di no si infuria. Qualcuno prima o poi se la vedrà brutta.

    • o se la vedrà brutta lui, dipende da chi incontra.
      Oggi ci sono tante palestre come la mia che insegnano sport da combattimento e ai frequentatori insegnamo anche un pò di altruismo verso la gente più indifesa. (donne, anziani, ecc.)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here