Sparatoria Milano e questione sicurezza, le reazioni e il punto delle indagini

Continuano le indagini per risalire al movente del duplice omicidio, avvenuto lunedì 10 settembre 2012, in mezzo ai passanti della movida di Porta Romana, di Carolina Ortiz e del marito Massimiliano Spelta.

 

La sera stessa dell’omicidio (per tutti i dettagli CLICCA QUI), gli agenti della Squadra Mobile della PS hanno rinvenuto un sacchetto contenente 47 grammi di droga nella camera da letto della coppia; la conferma che si trattasse di cocaina è giunta ieri.

 

Nonostante siano ancora aperti vari campi di indagine, tra i quali quella del riciclaggio, quella di un episodio “nell’ambito del traffico di droga” ha detto stamani il Questore di Milano, Alessandro Marangoni, al termine della riunione di coordinamento in Prefettura dove era presente anche l’assessore alla Sicurezza di Milano, Marco Granelli (PD), “riteniamo che in questo momento sia l’ipotesi più apprezzabile”.

 

“Ovviamente non possiamo escludere altre ipotesi”, ha precisato Marangoni, ma “in questo momento l’ipotesi del traffico di droga è quella predominante su altre”.

 

Dalle indagini intanto emerge una situazione finanziaria poco florida della coppia, almeno per quanto concerne i redditi percepiti regolarmente.

 

Una somma in contanti, 3mila euro in tutto, è stata trovata in un mobile di casa, lo stesso in cui sono stati rinvenuti i 47 grammi di cocaina, di un grado di purezza pari al 60%.

 

Intanto, dopo la nuova sparatoria avvenuta in via Giacosa alle 15 di ieri pomeriggio, a neanche 24 ore dall’esecuzione di via Muratori e ancora una volta nel pieno del traffico cittadino, a Milano torna ad esplodere la questione della sicurezza.

 

In questo senso, molte sono le richieste del ripristino degli oltre 600 uomini dell’esercito impiegati nei pattugliamenti misti varati nel 2008 (secondo i dati della Questura, nelle strade presidiate i crimini erano scesi del 48%), ma eliminati dalla Giunta Pisapia per volere del Sindaco stesso e del suo presidente della Commissione Sicurezza, Mirko Mazzali (SEL).

 

Era stato proprio Mazzali, infatti, a motivare la richiesta affermando che “Milano non è Beirut”.

 

Le indagini proseguono.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Nuova sparatoria Milano via Giacosa zona via Padova, raffica di colpi tra auto alle 15 del pomeriggio

Movente sparatoria Milano via Muratori, spunta della cocaina a casa di Spelta

Sparatoria Milano e duplice omicidio via Muratori, morto un uomo e la moglie che aveva in braccio la figlia di 2 anni

Sicurezza Milano, in via Salerno nuova aggressione ad una maestra ma per Pisapia Milano è sicura e vivibile, elenco rapine e stupri ultimi 20 giorni

Tentata rapina Milano Porta Venezia, il lettore aggredito: “Ero con mia moglie e avevo mio figlio di due anni sulle spalle, Milano è diventata il bronx”

Violenza sessuale su autobus Milano, le vittime hanno 14 e 15 anni; tra luglio e agosto 10 i casi registrati, elenco

Violenze sessuali Milano, in piazza Armellini 12enne palpeggiata in pieno pomeriggio; nella nostra città le violenze sessuali sono aumentate del 45,7% rispetto al 2011 

di Redazione

1 COMMENTO

  1. Ma che balle sparate?
    I militari per strada non facevano nulla, in zona Ticinese ho visto spacciare a meno di 5 metri dalla jeep…quando cliente e solito spaccia di colore si sono divisi un militare gli ha pure sorriso.
    In più i militari erano disarmati, ovvero stavano li fare le statuine imbracciando un AR70/90 chiaramente col caricatore vuoto (me ne intendo)….e meno male tra l’altro essendo l’AR70/90 un’arma da guerra calibro 5.56 NATO adatta al tiro da distanze tra i 100 e gli 800 metri…in pratica aprire il fuoco con un’arma del genere vuol dire rischiare di accoppare gente che non centra nulla in casa o nei bar a distanza anche di 2 o tre vie dal luogo dei fatti.
    Ma per piacere!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here