Morte Michele Ferrulli Milano, poliziotti rinviati a giudizio per omicidio preterintenzionale

I fatti risalgono al 30 giugno del 2011, quando il 51enne Michele Ferrulli morì in via Varsavia a seguito di un intervento eseguito da 4 poliziotti.

 

Ora, il GUP Alfonso Ferraro ha rinviato a giudizio gli agenti coinvolti, per i quali l’accusa è di omicidio preterintenzionale, e quindi riqualificata ed aggravata rispetto all’iniziale imputazione di omicidio colposo.

 

Gli agenti, inoltre, sono stati rinviati in giudizio anche per concorso in falso.

 

La riqualificazione dell’accusa è stata richiesta dalla famiglia del Ferrulli, costituitasi parte civile.

Il processo comincerà il 4 dicembre 2012 davanti alla prima Corte d’Assise del Tribunale di Milano.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Morto per presunto pestaggio Polizia Milano Michele Ferrulli, accuse dei parenti e smentite dalla Questura, disposta autopsia

Morte Michele Ferrulli Milano per presunto pestaggio Polizia, avvisi di garanzia a poliziotti coinvolti

Risultato autopsia pestaggio Milano Michele Ferrulli: nessun segno evidente di percosse; riscontrata la rottura delle costole causata presumibilmente dal massaggio cardiaco

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here