Sequestro sigarette Gdf Sesto San Giovanni, donna ucraina con valigia e box pieni di stecche illegali, hashish e marijuana

All’interno del box di casa stipava sigarette di contrabbando di provenienza estera. E non solo tabacchi. Anche 150 grammi tra hashish e marijuana. Ad incastrarla, la pesante valigia che portava con sé in metropolitana in uno dei suoi andirivieni. Quando gli agenti della Guardia di Finanza, impegnati in controllo di routine, le hanno chiesto di aprirla, la sorpresa: al suo interno, numerose stecche di sigarette di contrabbando.

 

E’ l’epilogo della vicenda che ha visto protagonista una cittadina ucraina che, ieri, dopo aver tentato di scappare è stata arrestata dalle Fiamme Gialle di Sesto San Giovanni.

 

Processata per direttissima presso il Tribunale di Monza, la contrabbandiera è stata condannata a un anno e 4 mesi di reclusione. Dovrà inoltre pagare 150mila euro di multa per contrabbando e spaccio.

 

Da quanto comunicato dalla Gdf, sarebbero 240 le tonnellate di sigarette sequestrate nel 2011 e, di queste, ben 38 quelle contraffatte.

 

Da gennaio a maggio del 2012, le dogane hanno già sequestrato circa 5 milioni di pacchetti; di questi, il 40% dei sequestri era destinato al nostro mercato nazionale.

 

Tra i maggiori produttori mondiali, neanche a dirlo, vi sarebbe la Cina, seguita a ruota da Ucraina, Russia e Polonia.

 

Quello del contrabbando illegale di sigarette, sia per la crisi economica, sia per il continuo aumento del costo dei tabacchi, è un mercato che sta tornando a crescere nel nostro Paese, per via della domanda sempre crescente di sigarette a costi più contenuti.

 

Ma se sono noti i danni alla salute provocati dalle sigarette vendute legalmente, meno conosciuti, forse, sono gli effetti sulle nostre coronarie (e non solo) prodotti dal business delle “bionde” contraffatte. 

 

Stando infatti ad uno studio della Commissione parlamentare di inchiesta sui fenomeni della contraffazione e della pirateria in campo commerciale, recentemente presentato a Montecitorio, alcuni pacchetti di sigarette contraffatte risulterebbero prodotti mediante l’impiego di materie prime non propriamente lecite.

 

Si tratterebbe perlopiù di foglie di tabacco di scarsa qualità, talvolta anche contaminate. Dalle analisi di laboratorio, sarebbero emersi livelli di nicotina, monossido di carbonio, catrame, piombo e arsenico spesso più alti rispetto al consentito.

 

Tra le ulteriori “sorprese” contenute all’interno delle sigarette incriminate, anche ingredienti meno ortodossi come uova di insetti, peli di topo, scarti di metalli, plastica, feci animali, capelli, unghie e via dicendo: le sorprese, in questo campo, non hanno mai fine.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Falsa mozzarella di bufala lombarda sequestrata nel milanese, confiscati quintali di buste e materiale pubblicitario

Sequestro 700mila brioches Brescia, amara sorpresa per il titolare di un’azienda dolciaria

Gorgonzola sequestrato donato all’Opera San Francesco Milano, si tratta di oltre 6 quintali di formaggio

Rubate merendine da camion per 110 quintali e camionista sequestrato, Pozzuolo Martesana

S.P.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here