Famiglia avvelenata da funghi Rho, in prognosi riservata; ecco dove e come far controllare i funghi

Fungo_tossicoE’ accaduto a Rho: una famiglia composta da 3 persone ha ingerito funghi raccolti fai-da-te, finendo in ospedale in prognosi riservata.

 

I tre sono stati ricoverati al Pronto Soccorso di Rho, dove i risultati delle analisi eseguite hanno confermato un avvelenamento da amanite. I pazienti sono stati quindi trasportati presso le strutture ospedaliere della Salvini per proseguire le cure in terapia intensiva, con prognosi riservata: il padre, 60 anni, è stato portato all’ospedale di Garbagnate; la madre 57 anni, a Rho; il figlio, 31 anni, a Bollate.

 

Dopo l’allarme del centro antiveleni di Niguarda, dove in 2 settimane sono stati 135 i casi di intossicazione registrati, dei quali 8 riguardanti persone in pericolo di vita, gli avvelenamenti non si fermano, e il Pronto Soccorso di Rho notifica altri 10 casi.

 

Per tale motivo, si ribadisce la fondamentale importanza di recarsi agli sportelli dell’ispettorato micologico allestiti dalla Asl: prima di ingerire i funghi raccolti fai-da-te è davvero consigliabile avere la certezza di non essere incappati in esemplari velenosi.

 

Per scaricare gli indirizzi e il numero di telefono di tutti gli sportelli dell’ispettorato micologico in Italia, CLICCA QUI

 

Leggi anche:

Intossicazioni da funghi, più di 100 casi riscontrati al Centro antiveleni di Niguarda

Morto Angelo Bretoni, l’uomo cercava funghi in Val Gerla ed è precipitato per cogliere un porcino

Alpinista milanese ferita alle placche di Introbio, Valsassina, è stata travolta da una valanga di sassi

Salvati 11 escursionisti milanesi in Alto Adige, esausti sulla vetta del Sassolungo

 

 Di Redazione

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here