Attivati 30 nuovi bus per i pendolari del nord ovest milanese, della Brianza e del Varesotto

Iris_Bus_Iveco“Ci sono aziende che falliscono, – ha spiegato l’assessore provinciale alla Mobilita’, Giovanni De Nicola. – Nonostante la crisi, Provincia e Regione hanno deciso di investire”. A fronte del fallimento della Sila, infatti, societa’ di trasporto pubblico che garantiva il servizio autobus nel nord ovest milanese, in parte della Brianza e del Varesotto, sono stati presentati in piazzetta Reale i trenta nuovi mezzi del contingente Air Pullman, che da lunedì 18 ottobre 2010 sostituiranno i vecchi autobus.

 

Secondo i dati della Provincia:

  • su 110 mezzi in servizio, nel 2010 sono gia’ stati introdotti altri 20 mezzi;
  • entro dicembre 2010 ne arriveranno altri 15, per un totale di 65;
  • nel 2011 ne verranno acquistati altri 8 con un contributo provinciale di 700mila euro.

 

Gli autobus sono stati benedetti dal cardinale e arcivescovo Dionigi Tettamanzi, che ha sottolineato come il tema della mobilita’ umana debba essere affrontato con i mezzi moderni, ma anche “riscoprendo il senso vero di quello che facciamo”.

 

I 30 nuovi ‘Iris Bus’ della Iveco:

  • sono lunghi 12 metri;
  • hanno una capienza di 88 passeggeri;
  • sono dotati di propulsori a basso impatto ambientale, pedane per disabili e impianto di condizionamento.

 

Il costo totale dell’acquisto è stato di circa 6 milioni di euro, di cui:

  • 3 sostenuti da Air Pullman;
  • 3 dalla Regione.

 

Come sottolineato dall’assessore lombardo alle Infrastrutture e Mobilita’, Raffaele Cattaneo, la Regione:

  • ha gia’ stanziato 40 milioni di euro per gli autobus ecologici,
  • 80 milioni di euro sono previsti per il prossimo triennio con l’acquisto di 1.200 mezzi.

 

Leggi anche:

Fallimento Viaggi del Ventaglio risarcimento per clienti ecco come fare

Viaggi del Ventaglio aperta inchiesta per truffa, danneggiate 16 mila famiglie

Fisco, rimborsi a cittadini lombardi per 1,3 miliardi nei primi 7 mesi del 2010

Outlet a Milano, una formula in costante crescita

 

Di Redazione

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here