Parcheggi selvaggi Milano via Lessona, foto scattate da una lettrice: “Auto e moto costringono mamme con passeggini e disabili a camminare in strada”

Di seguito la segnalazione e le foto inviate da una lettrice alla nostra Redazione (redazione@cronacmailano.it), per mettere in luce la situazione del parcheggio “selvaggio” in via Lessona. Nell’area, infatti, sorgono un centro prelievo frequentato anche da molti disabili, e una scuola: le auto lasciate malamente in sosta costringono quindi i pazienti e le mamme con passeggini a camminare nella carreggiata stradale: “Pensateci voi a far vergognare queste persone!”, conclude la cittadina. Nel dettaglio.

 

I “PADRONI” DEL MARCIAPIEDE – “Presumo che questi signori siano i padroni del marciapiede di via Lessona 40 – esordisce indignata la nostra lettrice, – visto che oramai sono mesi che parcheggiano le loro moto e macchine in questo modo (sempre gli stessi).

 

DISABILI E MAMME CON PASSEGGINI COSTRETTI A CAMMINARE IN STRADA – “Affianco alla moto si trova un centro di prelievi frequentato da persone disabili costretti a passare in strada – aggiunge la cittadina, – idem per la scuola di via Trilussa, che dista 50 metri, e per le mamme con passeggini (compresa me): anche tutte noi siamo costrette a fare la stessa pericolosa manovra.

– “Pensateci voi – conclude la mamma, – a fare vergognare queste persone!”

 

L’ESEMPIO CONTA? – Non solo i cittadini, purtroppo, mostrano di avere una pessima educazione civica. Solo per fare qualche esempio:

Comune di Milano, foto dell’auto di un consigliere parcheggiata malissimo in via Silvio Pellico, un lettore: “Oltre a recare danno agli altri automobilisti, è un modello di 15-20 anni fa, sebbene Area C vieti l’entrata dei veicoli più inquinanti!”

Foto furgone BikeMi Milano parcheggiato su area disabili in via Filzi all’una del pomeriggio, gli scatti inviati da un lettore

Via Gassman Milano Quartiere Adriano, tante promesse elettorali ma i disabili sono ancora bloccati tra aiuole e cemento: foto e intervista di CronacaMilano

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Furto biciclette via Jommelli Milano Clinica Città Studi, un lettore: “Sono andato in ospedale e mi hanno rubato la bici, in un’ora, in pieno giorno! E’ una vergogna!”

Rom Milano su pista ciclabile via Cusago, un residente: “Denuncerò Pisapia per sperpero di soldi pubblici”

Ancora problemi Area C Milano: una mamma prova a girare con i suoi due bimbi in bici, a piedi e con i mezzi pubblici. Ecco tutti gli ostacoli che ha dovuto affrontare

Di Redazione

7 COMMENTI

  1. Purtroppo è così in tutta la città.. Purtroppo non tutti hanno senso civico e certa gente se ne frega dei bisogni altrui facendo esclusivamente i propri comodi.

  2. E’ vero, però ho notato una cosa, di solito chi si lamenta dell’educazione civica automobilistica , non ha mai posseduto un auto, oppure.. ha smesso di guidare da parecchi anni.

    • Ho 26 anni e sono sia automobilista sia motociclista. Il senso civico non dipende dal veicolo che hai/usi, ma dall’educazione ricevuta. Le regole del codice della strada e i comportamenti corretti li conoscono tutti. Semplicemente si fa prima a non fermarsi alle strisce pedonali per lasciare attraversare i pedoni, a piazzarsi in mezzo a una pista ciclabile per entrare al bar di fronte a fare colazione, a fermarsi con le 4 frecce per qualche commissione nei negozi nei negozi o abbandonare la macchina sul marciapiede per essere più vicini e non perdere tempo a cercare un posteggio definibile tale.
      La società ormai questo insegna!

      • Mi associo completamente con il senso civico! infatti ho scritto “di solito”. Prendi ad esempio chi non é fumatore o ha smesso da poco,”di solito” essi, inveiscono con chi ha questo vizio, e cosi’ per altri esempi.

  3. Per la verita’ il marciapiede in foto sara’ largo ca. 4 metri. Se non ci fosse lo scooter, ci si passerebbe anche un passeggino o una carrozzella per disabili, malgrado l’ auto parcheggiata. In altre zone della citta’ il comune ha messo le strisce blu sul marciapiede (o parte di esso) lasciando libera una fetta di marciapiede piu’ stretta.
    Sarebbe interessante poi vedere se in zona ci sono posti per parcheggiare a sufficienza, o come ormai capita sempre piu’ spesso, i parcheggi sono sempre piu’ insufficienti, anche a causa della dissennata politica urbanistica delle ultime giunte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here