Corruzione Milano, ristoratore cerca di “ungere” finanziere con 1000 euro e finisce dritto in carcere

E’ successo tra le pareti di un ristorante in zona Porta Genova, il cui titolare è un cittadino di origine cinese, H. R. X.

.

Secondo quanto spiegato dalla Guardia di Finanza di Milano, una pattuglia si trovava presso l’esercizio in questione a causa di irregolarità riscontrate confrontando i pagamenti effettuati a mezzo POS e gli scontrini emessi alla clientela.

 

In base a quanto emerso, infatti, il controllo dei finanzieri ha consentito di constatare 19 mancate emissioni di scontrino fiscale, effettuate in giorni diversi nei confronti di altrettanti avventori. Per questo motivo, oltre alla sanzione prevista per gli scontrini non emessi, si rendeva applicabile anche la sanzione accessoria della chiusura dell’esercizio da 3 a 30 giorni, che sarebbe stata richiesta in un secondo momento all’Agenzia delle Entrate.

 

Nel tentativo di evitare le sanzioni, però, il ristoratore ha preso una decisione drastica che lo ha messo in guai ancora più grossi: durante la redazione del verbale, si è momentaneamente allontanato, ritornando con 1.000 euro in contanti che ha dato al capo pattuglia, cercando di corrompere il militare affinché non verbalizzasse le violazioni.

 

Il gesto è costato a H. R. X l’arresto immediato, poiché ex art. 322 comma 2 c.p. si è andata ad integrare la fragranza del reato di istigazione alla corruzione. Dopo i rilievi di rito, l’arrestato è stato quindi portato a  San Vittore.

 

Quello dei controlli strumentali, rientra nell’ambito di un più ampio dispositivo di polizia economico-finanziaria teso a fronteggiare in maniera efficace quelle sacche di evasione fiscale il cui contrasto rappresenta il presupposto fondamentale per il recupero del valore dell’economia legale, oltre che di ingenti risorse – sottolineano le Fiamme Gialle. – Nello specifico settore, la Guardia di Finanza, a Milano, ad oggi ha eseguito oltre tremila controlli, costatando irregolarità in circa un terzo delle attività controllate”.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Operazioni Gdf di Legnano, ecco i risultati dei controlli estivi: settori, numeri, dettagli

Sequestro magliette firmate Gdf di Gallarate, 10 mila capi pronti per il mercato dei saldi

Chiuso ristorante cinese viale Brenta Milano, 100 chili di carne e pesce avariati

Sequestro ristorante cinese Milano via Giannone, 1 tonnellata di carne e pesce scaduti

Chiuso ristorante cinese Milano piazzale Baracca, trovati 250 chili di carne malconservata, alimenti scaduti e sporcizia dentro frigoriferi e sui pavimenti

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here