Immigrati su torre via Imbonati, sono saliti venerdì e non vogliono scendere

Gru (archivio)Due degli immigrati saliti venerdì sulla Torre ex Carlo Erba di via Imbonati, sono scesi, ma ne rimangono 5 che non accennano a voler tornare a terra.

 

 

 

 

 

 

 

Tante le persone, a terra, che sostengono gli immigrati nel loro dramma, e si battono per:

  • far ottenere il permesso di soggiorno a tutti coloro che hanno partecipato alla sanatoria che, in quanto tale, deve sanare tutte le irregolarità precedenti, compresa la posizione di chi ha il reato di clandestinità;
  • ottenere l’allungamento  della durata del permesso di soggiorno, poiché le Questure impiegano circa nove mesi per rinnovarlo;
  • far estendere il permesso di soggiorno a chi perde il lavoro e sia impegnato nella ricerca di un nuovo impiego.

 

Intanto la Cgil ha chiesto un incontro urgente al prefetto Gian Valerio Lombardi, mentre il presidente del Consiglio della Regione, Davide Boni, sottolinea: «Chi occupa gru ed edifici senza averne alcun titolo, mobilitando per intere settimane le forze dell’ordine sta prima di tutto commettendo un reato».

 

AGGIORNAMENTO del 8-11-2010 ore 18,38: I cinque operai si dichiarano intenzionati a rimanere in cima alla torre, rifiutano l’apertura di un tavolo in Prefettura e invocano un incontro con il ministro dell’Interno, Roberto Maroni. E nel frattempo, da mezzogiorno di ieri, un manichino con tanto di tuta da operaio penzola dalla ciminiera abbandonata con un cappio intorno al collo. Una messa in scena, hanno spiegato, per ricordare uno dei manifestanti bresciani, che oggi ha mimato il gesto di impiccarsi quando le forze dell’ordine hanno tentato di farlo scendere dalla gru dove da giorni si trova insieme ad altri extracomunitari per gli stessi motivi. “Milano, Brescia, siamo vicini”, hanno urlato nel pomeriggio gli stranieri, in una cinquantina, radunati sotto la torre con tre tende da campeggio, quattro gazebo e un computer per la connessione a internet, a fianco del nuovo villaggio del fitness del Maciachini Center. Domani, dicono, e’ prevista pioggia battente e un calo della temperatura. Un motivo in più per inviare in cima, a circa 40 metri, altre coperte e sacchi a pelo.

 

AGGIORNAMENTO del 15-11-2010 ore 08,45: Due dei cinque immigrati sono scesi durante la notte per problemi di salute, anche se le condizioni generali sembrerebbero buone. I due non sono stati identificati dalle forze dell’ordine. «Quello che è certo è che uno dei due stava male, e l’altro lo ha aiutato» rendono noto i responsabili del Comitato Immigrati in Italia, in presidio sotto alla torre. «Comunque sono scesi per loro volontà, e al momento nessuno sa dove si trovano». Nei prossimi giorni è previsto un incontro con il cardinale Dionigi Tettamanzi.

 

AGGIORNAMENTO del 15-11-2010 ore 21,10: Anche gli ultimi immigrati sono scesi.

 

Leggi anche:

Scesi gli ultimi operai sulla torre Carlo Erba di via Imbonati, la protesta è durata 27 giorni

Denuncia medico Emergency che ha curato lo straniero che si è sentito male sulla torre in via Imbonati; avrebbe favorito l’immigrazione clandestina

Immigrati su torre via Imbonati, sono saliti venerdì e non vogliono scendere

Uomini su gru via Senigallia, la protesta di due operai che non ricevono lo stipendio da 3 mesi

Operai su una gru via Panigarola

Uomo su impalcatura San Babila, via Durini

Tentato suicidio in piazza Duomo Milano

 

Di Redazione
 
 
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here