Pestaggio via Severoli Milano, porta fuori il cane e viene pestato a sangue da tre sconosciuti

E’ accaduto in via Severoli alle 9 di sabato mattina, zona Primaticcio.

 

Secondo quanto spiegato dalla Polizia di Stato, un uomo di 38 anni, italiano, era fuori con il proprio cane, un Cavalier King, quando è stato apostrofato da tre uomini dall’altro lato del marciapiede, vicino ad un bar della zona.

 

Il 38enne stava ascoltando della musica con i propri auricolari infilati nelle orecchie; credendo che i tre avessero bisogno di un’informazione, si è avvicinato loro.

 

In realtà, velocemente l’uomo si è accorto della reale portata di quelle frasi, inizialmente soltanto astiose (tipo “O sei un poliziotto o sei un infame”, oppure “Non ti meno solo perché hai il cane”), e successivamente sempre più aggressive.

 

Il 38enne ha quindi cercato di allontanarsi, anche pensando che i tre potessero essere ubriachi.

 

Purtroppo, i malviventi hanno seguito il 38enne e, proprio mentre questi era al cellulare con la Polizia durante la chiamata al 113 per segnalare l’accaduto, sono passati ad una cruda aggressione non più soltanto verbale, ma fisica, riempiendolo di calci e pugni fino a farlo accasciare al suolo.

 

Dopo aver lasciato la vittima a terra e averle rubato anche il cellulare, i tre si sono dati alla fuga ma, fortunatamente, sono stati bloccati da un militare presente sul posto.

 

Poco dopo è sopraggiunta anche una Volante della Polizia si Stato, i cui agenti hanno chiamato il 118 per soccorrere il 38enne che, col volto pieno di sangue, è stato trasportato all’ospedale San Carlo.

 

I tre malvivente, intanto, sono stati identificati e perquisiti, e sono risultati essere B.C. 25 anni con precedenti penali, V.A. e L.D. 25 anni incensurati, trovati anche in possesso di 7 involucri di cocaina nascosti nell’intercapedine della cintura, per un totale di 9,2 grammi di stupefacente. Uno dei tre, durante il pestaggio, ha riportato una ferita.

 

Secondo le prime ricostruzioni eseguite dalle Autorità, i tre aggressori potrebbero aver creduto che il 38enne fosse un agente in borghese posto nelle vicinanze dell’oratorio ebraico situato nei paraggi e gli si siano scagliati contro.

 

Per i malviventi sono comunque scattate le manette.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Ritirati militari Milano, alla vigilia dell’agosto la città perde 350 uomini preordinati alla sua sicurezza

Sicurezza Milano, richiesta eliminazione dei pattugliamenti misti, del Nucleo controllo sui mezzi pubblici e risposte ai centri sociali, ecco cosa succederà a Milano e cosa è stato garantito

Sicurezza Milano, in via Salerno nuova aggressione ad una maestra ma per Pisapia Milano è sicura e vivibile, elenco rapine e stupri ultimi 20 giorni

Tentata rapina Milano Porta Venezia, il lettore aggredito: “Ero con mia moglie e avevo mio figlio di 2 anni sulle spalle, Milano è diventato il Bronx”

Sparatoria Milano e duplice omicidio via Muratori, morto un uomo e la moglie che aveva in braccio la figlia di 2 anni

Nuova sparatoria Milano via Giacosa zona via Padova, raffica di colpi tra auto alle 15 del pomeriggio

Tentata rapina supermercato via Bergognone Milano, romeno ferisce se stesso e un Carabiniere, Milano è sicura?

 Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here