Rapina gioielleria via Spiga Milano Scavia, arrestati gli esecutori materiali del colpo, tutti i dettagli

Il colpo era stato messo a segno il 5 febbraio 2011, a danno della prestigiosa gioielleria Scavia, in via della Spiga. Da allora le indagini della Squadra Mobile della Polizia di Stato, coordinate dal pm milanese Giuseppe D’Amico, non sono mai cessate e, dopo l’arresto degli organizzatori della rapina, avvenuto lo scorso 23 maggio, ieri mattina è stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare in carcere anche nei confronti dei tre autori materiali. Fondamentale, per individuarli, l’analisi dei tabulati telefonici e delle immagini riprese dalle telecamere.

 

GLI ESECUTORI MATERIALE DEL COLPO – Secondo quanto comunicato dalla Polizia di Stato, si tratta nel dettaglio di:

– Giuseppe Vacca, un 66enne di origini pugliesi e residente a Corsico,

– Giuseppe Marchisella, un 53enne nato a Barletta e residente a Milano,

– Andrea Giannetti, un 71enne di Potenza e residente a Zibido San Giacomo.

– In arresto anche il quarto complice, un italiano di 46 anni, Nicola Donato Gaetano Dapoto, ritenuto dagli investigatori l’intermediario tra i tre esecutori materiali e gli organizzatori.

– Le accuse per gli indagati sono, a vario titolo, di rapina aggravata, sequestro di persona, porto abusivo di armi e ricettazione.

 

LA DINAMICA DELLA RAPINA – In base alle indagini svolte, i rapinatori sono entrati nella gioielleria spacciandosi per vigili urbani; tale fase è stata svolta dal 66enne e dal 53enne. Essi hanno hanno atteso il dipendente nel vano scale dello stabile, per poi trascinarlo all’interno del negozio e minacciarlo mostrandogli una fotografia di casa sua e legandogli alla gamba una finta bomba.

– Il 71enne, invece, sarebbe entrato solo dopo alcuni minuti, rimanendo poi all’interno dell’aterlier per un’ora e mezza circa. Dopodiché sarebbe fuggito col bottino milionario per via Sant’Andrea, salendo a bordo delle vetture appositamente parcheggiate.

 

I SOGGETTI ARRESTAT DAL 23 MAGGIO SCORSO AD OGGI – In base alle ricostruzioni della PS, gli organizzatori avevano utilizzato un gruppo esterno di rapinatori, al fine di troncare ogni collegamento diretto tra loro stessi e il colpo milionario.

– Tra i provvedimenti restrittivi eseguiti a maggio e quelli di ieri, le ordinanze eseguite riguardano pertanto, in totale, 17 soggetti.

– Gli ultimi tre soggetti coinvolti, in particolare, solo il 66enne si trovava già in carcere a Padova, in seguito a un recente arresto per possesso di banconote false. Tutti e tre i malviventi, comunque, hanno lunghi precedenti alle spalle.

 

I PRECEDENTI DEGLI ESECUTORI MATERIALI – Il 71enne, infatti, ha precedenti per furto e rapina a partire dalla fine degli anni ’70, oltre che per un tentato duplice omicidio avvenuto in passato a Cesano Boscone. Il suo nome, insieme a quello del 66enne, è però ricordato soprattutto per l’assalto in una banca del centro di Padova avvenuto nel 1993, condotto con l’uso di armi comuni e da guerra (una bomba a mano), in cui rimase ucciso un rapinatore e ferito un poliziotto.

– Il 53enne invece, secondo la carta di identità geometra, ha accumulato precedenti fin dal 1976 ed era già stato condannato per l’omicidio di una guardia giurata a Gaggiano.

– L’intermediario infine, nel 1999 fu protagonista di una tentata rapina a Chiasso, in Svizzera, dove il direttore di una banca era stato sequestrato in casa e trascinato in un deposito valori.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Rapina gioielleria via Spiga Milano, stamattina il sequestro di beni per oltre 10 milioni di euro

Arresto presunti responsabili rapina gioielleria Milano via della Spiga, colpo per oltre 5 milioni di euro

Rapina gioielleria Scavia via Spiga, rubati 5 milioni di euro in gioielli

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here