Truffa anziana Milano, 92enne raggirata da finto nipote, i consigli da spiegare gli anziani

E’ successo lo scorso sabato.

 

Un’altra anziana truffata a Milano, ancora una volta molto vicina ai 90 anni poiché, più fragile è la vittima, meglio è.

 

In questo caso la signora ha ben 92 anni e, il truffatore, l’ha chiamata al telefono presentandosi come suo nipote.

 

Il delinquente ha quindi spiegato alla sinogra di aver bisogno di 3000 euro cosicché, la vecchina, si è precipitata a chiedere tale cifra alla banca.

 

Contrariamente a quanto aveva sperato l’uomo, però, la banca ha rifiutato di compiere l’operazione.

 

Indefesso, il delinquente ha ricontattato la vittima, dandole appuntamento alla fermata dell’autobus sotto casa e chiedendole di portare con sé i contanti e i preziosi in suo possesso. Ad accoglierla, l’anziana avrebbe trovato, come sempre, un’amica del presunto nipote.

 

Purtroppo, la 92enne si è fidata dell’uomo, credendo fosse davvero suo parente. Per tale motivo ha messo insieme 1500 euro in contanti, un bracciale in oro e addirittura le fedi nuziali dei suoi genitori, risalenti al XIX secolo.

 

Solo successivamente la vecchina si è accorta di essere stata vittima di una truffa e ha telefonato al vero nipote.

 

Venendo a sapere dell’accaduto, l’uomo si è recato in Commissariato per sporgere denuncia.

 

I CONSIGLI DA DARE AGLI ANZIANI – Purtroppo, a Milano, nel 2012 sono stati ben 25.517, pari a 2.126 casi al mese, cioè circa 70 al giorno. Poiché le vittima sono quasi sempre gli anziani, devono essere i giovani ad allertare genitori, nonni, perenti e conoscenti. Di seguito qualche pratico consiglio:

– mai aprire la porta o farsi accompagnare a casa da sconosciuti che si presentino in qualità di dipendenti del Comune, Poliziotti, Carabinieri, Finanzieri, tecnici del gas o altri

– In caso di sconosciuti alla porta, l’anziano deve subito telefonare al 112 (Carabinieri) o al 113 (Polizia), spiegando di avere uno sconosciuto alla porta. Gli agenti faranno immediati i dovuti controlli, verificando se si tratti di una truffa oppure no

– In caso di telefonate ricevute da presunti parenti che chiedono danaro, l’anziano deve chiamare subito il “vero” parente, al fine di verificare

– Tutti i consigli si possono scrivere su un biglietto da attaccare di fianco allo spioncino della porta o accanto al telefono: in questo modo potranno ricordare sempre cosa fare

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Truffa anziani Milano via Vincenzo Monti, figlio delle vittime scrive a CronacaMilano e racconta la dinamica: fate attenzione

Truffa anziana Milano, 90enne derubata da finti addetti del gas

Truffe anziani Milano, ieri tre casi, le vittime hanno 78, 76 e 83 anni

Anziana rapinata Milano via Jaures zona viale Monza, sbattuta a terra per strapparle gli orecchini d’oro

Truffe anziani Milano, i consigli di Amsa da ricordare e divulgare

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here