Blocco Euro 3 diesel Milano, forse al via da lunedì 4 febbraio

TrafficoAGGIORNAMENTO del 5 febbraio 2013, ore 8,00: L’assessorato all’Ambiente do Provincia Lombardia ha comunicato che, poiché nella giornata di ieri, domenica 3 febbraio, grazie alla pioggia i valori di PM10 registrati erano sotto la soglia dei 50 mg/m3, non è stato necessario prevedere l’attivazione del blocco dei veicoli Diesel Euro3.

——

Ci risiamo. La situazione, oramai, ha addirittura stancato: le centraline Arpa hanno registrato il sesto giorno di superamento del limite di 50 mg/mc per le polveri sottili e, come presumibile, da lunedì 4 febbraio 2013 saranno nuovamente i veicoli Diesel Euro 3 ad essere bloccati a Milano e Provincia.

 

Oramai la situazione sta diventando comica, se non fosse tragica: i cittadini vengono obbligati a lasciare ferme le proprie vetture, mentre i dati hanno chiaramente evidenziato che il PM10 si è impennato non appena sono entrati in funzione gli impianti di riscaldamento, lo scorso 15 ottobre 2013.

 

Pronti, quindi, i cittadini, ad arrabattarsi ancora una volta per riuscire a svolgere tutte le proprie incombenze quotidiane (andare al lavoro, portare i bambini a scuola, recarsi a fare la spesa al supermercato, accompagnare i genitori anziani alle visite mediche, e così via), senza poter utilizzare la propria auto Euro 3 Diesel.

 

Come i cittadini dovranno lasciare a casa l’auto, con l’inizio del blocco però, il protocollo prevede anche che i negozianti tengano chiuse le porte dei propri esercizi commerciali (in questo senso, lanciamo a tutti i lettori la proposta di fare una passeggiata in centro e lasciarsi stupire: quanti saranno gli store che manterranno sul serio chiuse le porte d’entrata? Chissà!)

 

Se, come previsto dal meteo, durante questo fine settimana non interverranno pioggia o neve ad abbassare i valori, il blocco verrà attivato dal prossimo lunedì, dopo 10 giorni consecutivi con smog superiore ai livelli di allarme tollerati.

 

“Ma come – si chiederanno a questo punto i maligni – Area C non doveva risolvere i problemi dello smog a Milano?”. Ai fatti concreti la risposta alla domanda.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Area C Milano, smog ancora da codice rosso e il Comune aumenta la multe

Blocco Euro 3 Milano residenti Area C, proroga esenzione dal divieto fino al 31 marzo 2013

Euro 3 Milano, da gennaio 2013 divieto di circolazione dentro Area C anche per i residenti; analisi inquinamento, confronti, conseguenze, info

Smog Milano e provincia, dopo una settimana di riscaldamento pm10 già sopra i limiti, convocata assemblea per il 30 ottobre

Smog Milano, Pm10 ancora oltre i limiti, ennesima delusione per Area C, ecco perché

Volontariato Milano, Comune assegna oltre 200mila euro al Ciessevi del quale era presidente l’assessore Granelli, ma continua a negare l’esenzione di Area C ai volontari della Croce Rossa

 

Di Redazione

2 COMMENTI

  1. Sono un possessore di un cosiddetto euro 3 diesel che ha solo 8 anni.
    Quando si parla di inquinamento delle auto, si fa sempre un conto di numeri e percentuali, ma la realtà è che nel periodo estivo il problema sparisce. Nel periodo invernale ricompare e ci si dimentica che l’inquinamento da altre fonti, tipo riscaldamento, fanno la loro parte in forte misura.
    Quando si raggiungono picchi elevati ora si bloccano gli euro 3 diesel, ma guarda caso solo se si mette a piovere, vento e neve si ritorna a valori normali. Mi viene da ridere quando vengono adottate le misure cosiddette antinquinamento dopo i fatidici 10 giorni di superamento.
    Tanto per fare un esempio, chi abbassa di x gradi la temperatura degli appartamenti?
    Chi controlla che ciò avviene?
    Io dico nessuno!!!!!. Vivo ed abito a Milano in un quartiere (Ludovico il Moro) di 900 famiglie distribuite su 21 palazzi ed un’unica centrale termica.
    Ebbene, io ho il riscaldamento che funziona anche di NOTTE nei mesi da dicembre a gennaio compreso da decine di anni. La chiamano “la Notturna”.
    Mi sembra che ciò sia proibito dalle normative vigenti.
    Quì stiamo a parlare di gradi in meno e non si sa che interi quartieri vanno 24 ore al giorno come il mio. Poi si parla di bloccare i diesel euro 3 dalle 8.30 alle 18.00, come dire che se uso la macchina dopo le 18.00 io non inquino. Ma siamo in fusione? Poi bisogna anche calcolare quanti KM fanno queste inquinanti, infatti l’emissioni di PM10 ecc. come il riscaldamento, è legato a vari fattori tra cui il valore TEMPO.
    Per quanto tempo uso la macchina?
    Per quanto tempo va il riscaldamento, ecc.
    Ditemi quanti in Europa hanno adottato il provvedimento di mettere al bando queste disgraziate auto euro 3 Diesel?
    Comunque sia l’amico Maran deve dirmi quando e quanti incentivi tirerà fuori per cambiare un’auto diesel euro3. In questo momento non mi sembra che sia il tempo giusto per fare simili operazioni (elezioni regionali/politiche a parte)

    Cordialità
    Dino G.
    Milano.

  2. E molto piu facile colpire i possessori dei diesel euro 3 ! Noi come famiglia con due figli non possiamo permetterci di cambiare auto! Non mi sembra giusto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here