Apertura Piscina Caimi Milano Zona 4, continuano le proteste tra i residenti del Comitato Cittadini e il Comune

Il malcontento degli abitanti della Zona 4 di Milano è ormai sempre più lampante; dopo le gravissime questioni sulla sicurezza, i residenti parlano ora anche della possibile riapertura della piscina comunale Caimi.

 

L’ASSEMBLEA: RESIDENI VS. RAPPRESENTATI DEL COMUNE DI MILANO – Il 15 maggio si è svolta presso la sede del Consiglio di Zona 4, in via Oglio 18, un’assemblea tra gli abitanti, rappresentati da Loredana Bigatti, e le Commissioni Sport Tempo libero (presieduta da Angelo Misani), Decentramento (presieduta da Luca Ragone) e Territorio (presieduta dall’Avv. Simonetta D’Amico). Hanno presenziato inoltre l’Assessore allo Sport e Tempo Libero per il Comune di Milano, Chiara Bisconti, e il Direttore Centrale Sport Benessere e Qualità della Vita, Dott. Dario Moneta.

 

LE PROTESTE CONTRO L’ASSESSORE AL BENESSERE CHIARA BISCONTI – Il malcontento dei residenti di zona 4, spiegato a chiare lettere attraverso uno dei due volantini affissi presso le vie circostanti la piscina comunale, è diretto principalmente verso l’assessore Bisconti, contestata per aver ignorato le richieste degli stessi circa il desiderio di riaprire la piscina per valorizzare il quartiere.

– Nello specifico, si contesta quella che potrebbe essere la possibile destinazione della piscina Caimi: viene contestato, in più, che oltre la piscina stessa, il campo da tennis vicino e la palazzina dei servizi siano adibiti ad “attività commerciali accessorie come fonte di autofinanziamento delle attività del Teatro Parenti, dati i tagli delle sovvenzioni pubbliche”.

– Ai residenti del quartiere, ciò che sta più a cuore è che la piscina sia riaperta per la destinazione più ovvia data la sua natura: quella di struttura sportiva aperta al pubblico, dato che “una metropoli come Milano non pecca sicuramente nella presenza di strutture preposte allo Spettacolo”.

– Come si legge nelle ultime righe di uno dei volantini, “i residenti di zona 4 saranno determinati nel ribadire, in qualunque sede, la necessità che la piscina Caimi resti una struttura balneare sportiva e, al tempo stesso, bene pubblico cui la comunità possa attingere in quanto beneficiaria”.

 

LA PALLA PASSA AL COMUNE – Come sempre, invitiamo i rappresentati di Palazzo Marino a raccontarci la loro versione: i cittadini attendono risposte. E fatti concreti.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Via Gassman Milano Quartiere Adriano, tante promesse elettorali ma i disabili sono ancora bloccati tra aiuole e cemento: foto e intervista di CronacaMilano

Proteste residenti via Tolstoj – piazza Berlinguer Milano: “Ogni weekend musica dalla discoteca vicina fino alle 3 del mattino, abbiamo fatto esposti alla Polizia locale, ho scritto a Pisapia e a tutti i consiglieri, ma nessuno fa nulla”

Viabilità via Val Bavona Milano, un lettore: “Posti auto insufficienti e parcheggi selvaggi; dopo gli interventi ‘illuminati’ del Comune, chi risolverà la situazione creata?”

Degrado via Valtellina per discoteche Alcatraz e De Sade, protesta di un residente che illustra tutti i problemi causati dai frequentatori dei due locali agli abitanti della zona: si richiede un intervento per rendere possibile la convivenza, poiché i residenti non ne possono più

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here