Ordinanza anti-gelato, già comminate multe da 450 euro

La lotta all’ultimo morso sembra essersi conclusa, anche se la firma ufficiale all’ordinanza anti-gelato, in versione rivista e corretta, ancora manca.

 

Dopo le repliche del sindaco Pisapia, commercianti e cittadini non hanno comunque perso tempo,  partecipando ad un folkloristico flashmob mentre, le coppette, sdoganate dal centrodestra sbarcavano in Consiglio comunale.

 

Tante le peripezie dolciarie milanesi, quindi, per alcuni però anche molto amare, come testimonia il vicepresidente dell’Epam, Alfredo Zini, che mostra una multa da ben 450,00 euro comminata a un gelataio del Ticinese venerdì notte: “Vogliamo vedere la nuova ordinanza – ha tuonato Zini – e non ci dicano che quella vecchia non è mai entrata in vigore»

 

Pisapia, dalla sua, ha comunque assicurato di amare il gelato “alla follia”,  accollando tutta la bagarre ad un probabile “errore di interpretazione, di scrittura di una delibera che abbiamo già rivisitato e rivisto”. Del resto, Milano è una città difficile da amministrare e, oltre ai problemi su sicurezza, militari, furti e rom, una priorità era da riconoscere anche alla questione ‘gelato sì – gelato no’.

 

Ad ogni buon conto, la pace dolciaria dovrebbe essere di ritorno imminente per le lunghe serate dell’estate milanese, poiché la linea indicata da Palazzo Marino sarebbe quella di tornare all’origine, vale a dire al ripristino della precedente normativa che, nelle zone hot della movida meneghine (Ticinese, Navigli, corso Como, Arco della Pace), permetteva la vendita dei prodotti d’asporto anche dopo la mezzanotte, nel rispetto della legge regionale 8/2009 (chiusura delle attività artigianali e relativa vendita di prodotti d’asporto all’una di notte).

 

Di seguito i testi integrali delle delibere zona per zona, effettivi dalla data del 31 maggio 2013 e compresi dell’ammontare della relativa sanzione pecuniaria di euro 450,00 per tutti gli eventuali trasgressori:

Ordinanza n. 37 del 31.5.3013 ORARI Area Garibaldi,

Ordinanza n. 39 del 31.5.2013 ORARI Arco della Pace – Sempione,

ordinanza n. 41 del 31.5.2013 ORARI Duc Navigli,

– Ordinanza n. 43 del 31.5.2013 ORARI Duc Ticinese

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Via chioschi e ambulanti da piazza Duomo Milano, l’assessore D’Alfonso: Pulizia estetica

Tassa sui passi carrabili Milano, il COSAP sta già gravando su famiglie e commercianti, ecco come

Prada Milano scaccia McDonald’s dalla Galleria Vittorio Emanuele, sbaragliati Apple e Gucci; i milanesi sono contenti di un nuovo tempio del lusso?

Bar Camparino Milano, è festa in Galleria ma non mancano perplessità

Di Redazione

3 COMMENTI

  1. Queste non sono notizie ma solamente BUFALE.

    Il “folkloristico flashmob” è stato organizzato dalla pagina facebook (più Grom meno Rom) creata dal consigliere provinciale Nicolò Mardegan, e l consigliere comunale Giulio Gallera (centrodestra), non dai commercianti.

    In quale parte dell’ordinanza, mai entrata in vigore, vengono definiti simili importi per le sanzioni?

    Complimenti per la DISINFORMAZIONE, abbandonerò definitivamente questa testata.

    • Grazie!

      Del resto caro Valerio il testo è chiaro:

      “Dopo le repliche del sindaco Pisapia, commercianti e cittadini non hanno comunque perso tempo, partecipando ad un folkloristico flashmob mentre, le coppette, sdoganate dal centrodestra sbarcavano in Consiglio comunale.”

      Da nessuna parte è scritto che è stato organizzato dai commercianti. I commercianti vi hanno partecipato.

  2. Il gelato ? Che passione! Sindaco e politichini vari si dovrebbero occupare di ben altro. La battuta da quasi estate e visti i tempi in cui viviamo ci può stare.
    E’ il passare dal semiserio al serio che potrebbe preoccupare la cittadinanza. Destra o sinistra, poca differenza. Sono le persone che fanno la differenza non i colori politici.
    Romboccarsi le mani e far ripartire Milano con opere serie per cittadini seri ed onesti, mettere chi lavora nella condizione di lavorare rispettando le regole e se possibile tutelati nei momenti di difficoltà, tutelati da chi deve garantire la sicurezza. Peccato spendere tempo anche se per un buon gelato…in chiacchiere che non fanno manco sorridere e Milano di questi tempi visto quello che accade…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here