Degrado via Gola Milano, la mail furibonda inviata da un cittadino a Pisapia, Maran e Baruffi

PisapiaDi seguito la mail inviata per conoscenza alla nostra Redazione (redazione@cronacamilano.it), e scritta da un cittadino che si è rivolto direttamente al Sindaco Pisapia, all’assessore alla Mobilità e Ambiente, Pierfrancesco Maran, e al Capo del Gabinetto del Comune di Milano, Maurizio Baruffi. Il nuovo problema, in questo caso, è il degrado che si è creato negli ultimi due anni in via Gola: “Un quartiere arreso a un’amministrazione inerte e incapace”. E ancora: “Io ho sempre votato a sinistra per un senso di responsabilità sociale (una panchina in Italia è di nessuno, in Svezia è di tutti). Ma se la sinistra è cambiata me lo dica, perché inizio a vedere ‘nero’!”. Nel dettaglio:

 

LA MAIL INOLTRATA A SINDACO, ASSESSORE E CAPO DEL GABINETTO DEL COMUNE DI MILANO – “Buongiorno – esordisce il Sig. G.C., – vi inoltro per conoscenza la mail mandata qualche giorno fa a Pisapia, Baruffi e Maran.

 

GENTILE SINDACO…. – “Gentile Sindaco – inizia il cittadino, – uno dei temi forti della sinistra, dagli anni 60 ad oggi, è il condizionamento dell’ambiente esterno sullo sviluppo dell’individuo.

– “E’ per questo – prosegue, – che una responsabilità individuale, specifica, è sempre così difficile da circoscrivere. Il tema è caro alla filosofia dagli inizi del Novecento, in particolare alla fenomenologia husserliana e alla sua acclimatazione francese (è un cinico destino che la sinistra arrivi sempre tardi).

 

DEGRADO PRODUCE DEGRADO – “La legge è semplice – spiega il sig. G.C., – un ambiente sano e decoroso produce soggetti sani e decorosi; un ambiente marcio produce soggetti marci.

– “Una televisione raccapricciante – specifica ancora il nostro lettore, – produce elettori senza cervello; una buona programmazione televisiva favorisce lo sviluppo linguistico e la coscienza critica. Un’equazione semplice che pochi casi isolati e contrari non riescono a scalfire. Una legge per cui non serve conoscere la sinistra, Husserl, Foucault: basta aver visto ‘Una poltrona per due’ a Natale per sapere che degrado produce degrado.

 

VENIAMO A NOI: LA SITUAZIONE IN VIA GOLA, ZONA NAVIGLI – “Ebbene, la situazione di via Gola è esattamente l’emblema di un degrado urbano – entra nel vivo il cittadino, – di un marcio decoro che rende tutti più brutti e incivili.

 

UNA VIA BELLA, POTENZIALMENTE. ORA ARRESA AD UN’AMMINISTRAZIONE INERTE E INCAPACE” – “Via Gola è potenzialmente bella, ricca di attività commerciali e di palazzi – sottolinea G.C. – Un bel quartiere, però ormai arreso a droga, violenza, inciviltà, vandalismo, fetore, sporcizia, soprusi, arroganza prepotente, disordine e tutto quanto fa dire di un quartiere: ‘là è un vero schifo, non ci abiterei mai!’. Un quartiere arreso a un’amministrazione inerte e incapace.

 

QUESTO PRECIPIZIO MORALE COINCIDE CON LA SUA ELEZIONE” – “Ebbene, questo precipizio morale, civico e delinquenziale – protesta esasperato il residente, – coincide con la sua elezione.

– Da che lei è Sindaco, i Navigli fanno schifo e via Gola è la bandiera di questo schifo – prosegue. –

Lei non può inoltrare i tanti reclami alle autorità competenti come AMSA, vigili o non so chi altro, perché dimostra di non capire: LA RESPONSABILITA’ E’ POLITICA, cioè Sua.

 

NON MANCANO DEIEZIONI ESPLETATE PER STRADA, MENTRE I BAMBINI GIOCANO SUL MARCIAPIEDE – “Oggi in via Gola, a coronamento di questo schifo – specifica ancora, – sosta anche un barbone che espleta le sue deiezioni in mezzo alla strada, mentre i bambini giocano.

– “Come cresceranno quei bambini – osserva il cittadino, – è un problema suo, caro Pisapia, è un problema politico, di sinistra. Per la storia che ha via Gola, questa potrebbe costituire un banco di prova importante: una “pars pro toto”.

 

HO SEMPRE VOTATO A SINISTRA. MA ORA VEDO ‘NERO’” – “Io ho sempre votato a sinistra per questo senso di responsabilità sociale (una panchina in Italia è di nessuno, in Svezia è di tutti) – conclude il nostro lettore.  Ma se la sinistra è cambiata, me lo dica, perché inizio a vedere “nero”. Ci rifletta. Cordiali saluti, G.C.”

 

Leggi anche:

Giuliano Pisapia, sindaco gentile di Milano; ascesa ed operato. Le riflessioni di un cittadino sulla nascita e lo sviluppo del fenomeno arancione

Furti Politecnico Milano Bovisa, una studentessa: “Rubano fino a 10 computer a settimana, aiutateci a portare alla luce questo problema!”

Rom viale Suzzani e Fulvio Testi Milano: “Furti nelle case ogni giorno e nessuno interviene, con la giunta precedente c’erano i vigili per i controlli, ora è sparito tutto”

Rom via Trasimeno Milano vicino asilo largo Bigatti: “Sono aumentati i furti in appartamento, rubano i giochi dei bambini e i vestiti della Caritas, bivaccano sui prati e hanno creato orti abusivi tra i tralicci della corrente”

Abusivi in appartamenti via Verrazzano Milano zona via Padova, la protesta di un residente: mancano interventi concreti

Degrado via Padova Milano, segnalazione e foto di una lettrice disperata: Sono stata più volte aggredita e insultata, sanno che qui non ci sono controlli e fanno quello che vogliono

Di Redazione

3 COMMENTI

  1. Intanto la lettera, Pisapia non la leggerà, perchè dovrebbe leggere prima le altre che dovrebbero essere veramente tante.. chiaramente di lamentele. Io ne inviai una 8 mesi fa e non ho avuto ancora risposta, nemmeno dalla segretaria. Se la causa del suo scritto fosse rivolto per una via del centro, forse una sbirciatina l’avrebbe concessa, ma trattandosi di via Gola non entra nell’interesse della Giunta. Meglio dar retta a cittadini di alta società che a quelli di periferia. I poveri residenti ai margini urlano sbraitano ma sono innocui, quelli che vivono in centro possono essere anche Avvocati e quindi meglio tenerli buoni. La via é degradata? ci credo non ho nessun dubbio, ma qui altro che via, ci sono interi quartieri, naturalmente fuori dalla prima cerchia che sono marciti col tempo. Eppure Milano non é poi così grande da non poterla controllare tutta.. anzi, la città dovrebbe essere gestita con facilità. Ad esempio le periferie di Barcellona e Madrid sono state riqualificate da anni, e ora ci si può mangiare su quei marciapiedi, città mica tanto piccole! Senza poi parlare dei paesi nordici, li ad esempio la delinquenza é veramente poca.. quasi nulla. E possibile che in quelle città il primo cittadino con i suoi collaboratori ci sanno fare? credo proprio di si! La unica preoccupazione del Comune in questi 2 anni é stata la zona centro per la circolazione limitata a pagamento e le strisce blu anche in mezzo ai campi. ..che delusione questa sinistra!

  2. Credo che come cresceranno i bambini in sto quartiere sia più colpa dei genitori che di un barbone che gli defeca davanti. Ció detto a mio avviso tenere i bambini a giocare in mezzo a una strada tra le auto e sotto casa della gente fino a mezzanotte mezzanotte e mezza credo che non sia salutare per la loro crescita, c’è un el parco a poche centinaio di metri, mi chiedo perchè le mamme non li portino a giocare lì invece che tra barboni e spacciatori in strada. Poi la maggior parte dei loro figli son già bulli di quartiere, neanche lo dico he mandano un bambino che avrá al massimo 6 anni su una minimoto in mezzo alla strada. Quindi il
    Povero senzatetto é il minore dei mali a mio avviso. Sarebbe più il caso di tirare le
    Orecchi ai genitori… Li trovate al bar a dilapidarai lo stipendio in macchinette o alcool in compagnia.
    Quel che non va bene in via gola sono le bande di spacciatori che si sono create in questo ultimo anno che non
    Perdono tempo di darsele di santa ragione, stanotte di nuovo alle 5:30 sono stata svegliata da rimori di lamiere, vetri rotti e urla… Ho aperto la finestra mi si è presentato davanti agli occhi scene di guerriglia urbana al limite del realte in un paese civile. Catene, mazze a baseball, spade qualsiasi cosa andva bene per colpire un componente della banda rivale. Qualche pattuglia di polizia che vigili un po’ più spesso sopratutto di notte nel
    Week end aiuterebbe forse a
    Far capire agli spacciatori che è il caso di andar a farl i loro affari da qualche altra parte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here