Poliziotti indagati Lambrate Milano, accusati di aver sottratto contanti e droga dai sequestri

ArrestoAvrebbero rubato soldi agli spacciatori e intascavano, con una certa regolarità, parte della droga destinata allo spaccio. Non stiamo parlando di una lotta senza quartiere tra clan rivali, ma di 5 poliziotti – indagati per peculato e detenzione e spaccio di stupefacenti – che, approfittando della loro posizione, si sarebbero impossessati della refurtiva delle loro perquisizioni senza denunciarla nei relativi verbali.

 

Le indagini, partite in seguito ad un esposto dell’avvocato Debora Piazza, sono state coordinate dal pm Paolo Filippini, coadiuvato dal procuratore aggiunto Alfredo Robledo. “Forti anomalie sono state accertate nelle condotte poste in essere dai poliziotti relativamente alla gestione dello stupefacente sequestrato nel corso della attività di servizio”, è quanto si legge nel decreto di perquisizione delle abitazioni dei poliziotti, redatto dai pm.

 

Secondo l’accusa i 5 agenti, tutti in servizio presso la Polizia ferroviaria di Lambrate, avrebbero distrutto “in proprio la droga sequestrata, anziché seguire le modalità previste dalla legge”, con l’evidente intento di tenerne una parte per sé. Inoltre, avrebbero anche sottratto ingenti somme di denaro agli arrestati, falsificando i verbali di perquisizione.

 

A complicare la posizione dei poliziotti, inoltre, vi sarebbero le testimonianze di almeno cinque soggetti che “lamentano l’omesso sequestro delle somme acquisite dagli operanti in sede di perquisizione”.

.

Secondo uno dei “testimoni”, un cittadino del Senegal, il 23 marzo 2011 gli agenti gli avrebbero “rubato” 6.000 euro più un telefono Blackberry.  Un cittadino marocchino, invece, sosterrebbe che i poliziotti, dopo averlo fermato e successivamente perquisito, si siano impossessati di 6.000 euro.

.
A mancare all’appello ci sarebbe anche una pistola “Magnum” che, anche in questo caso,  non sarebbe mai stata verbalizzata.

.

carabinieri hanno perquisito la sede del Commissariato di Lambrate ed in particolare gli  uffici degli indagati e i locali con le cassette di sicurezza utilizzati per custodire i beni sequestrati.

 

Stando ad un primo bilancio, i soldi presumibilmente “trattenuti” dagli agenti ammonterebbero a circa 50.000 euro. A questo punto, per far luce sulla posizione degli indagati, si attende lo svolgimento completo dell’iter giudiziario. 

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro

 

Leggi anche:

Dimostrazione cani antidroga Gdf Milano presso scuola Achille Mauri, fotogallery e video

S.P.

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here