Tentata rapina posta via Carducci e via Andrea Doria Milano, assalto con finta cintura esplosiva

Pacco-postaleNon solo 2 rapine in banca in 5 giorni: l’agosto milanese è iniziato “col botto” e, i criminali, non accennano a calmarsi.

 

La lista, questa volta, si allunga di due rapine in altrettanti ufficia postali, compiute sabato 10 agosto 2013 tra le 11 e le 12 di mattina, in pienissimo giorno, in via Doria e nella centrale, elegante via Carducci, a due passi dal Castello Sforzesco. Peculiarità del modus operandi, il malvivente si è presentato con una cintura di finto esplosivo addosso.

 

In base quanto spiegato, il protagonista della vicenda è un uomo di 41 anni, nullafacente.

 

Il 41enne, pochi minuti dopo le 11, si è recato alla posta di via Carducci.

 

A questo punto il rapinatore ha chiesto di parlare con la direttrice, che lo ha ricevuto nel suo ufficio.

 

La situazione è decisamente degenerata quando la donna, vedendo la cintura esplosiva e piena di fili elettrici indossata dall’uomo, che ha sfoderato tanto di telecomando e scatolette in alluminio con cui ha iniziato a minacciarla per ottenere i soldi del conto, è andata in panico.

 

La direttrice, infatti, ha tentato di premere il pulsante di allarme, facendosi però scoprire.

 

La donna ha quindi cercato di allontanarsi con una scusa e ha provato a chiamare il 113 ma, preda di una vera e propria crisi isterica, non riusciva a digitare correttamente il numero.

 

Il rapinatore intanto, insospettitosi, ha deciso di lasciar perdere e si è allontanato. Tuttavia, poiché il lupo perde il pelo, ma non il vizio, si è diretto in via Doria, presso un altro ufficio postale.

 

Giunto presso la seconda succursale delle poste, il ladro ha messo in atto la medesima scena: è entrato in un ufficio e, mostrando la cintura esplosiva, ha minacciato 2 dipendenti.

 

Anche in questo caso, però, qualcosa è andato storto, tanto è vero che sul luogo sono sopraggiunte 2 volanti della Polizia di Stato.

 

All’insaputa del rapinatore, gli agenti hanno circondato l’ingresso della struttura, fatta anche evacuare dai 30 clienti che si trovavano al loro interno.

 

Presidiata anche l’uscita di sicurezza, il 41enne si è alfine arreso, uscendo dall’ufficio postale, lasciandosi ammanettare ed ammettendo che la cintura era imbottita di materiale totalmente innocuo.

 

L’accusa scattata nei suoi confronti, però, vera ed è di tentata rapina.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci aredazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro

 

Leggi anche:

Presidi militari: Milano Pisapia aveva eliminato quelli mobili, perché “Milano non è Beirut”. Ora li richiede ma… in versione fissa

Giuliano Pisapia, sindaco gentile di Milano; ascesa ed operato. Le riflessioni di un cittadino sulla nascita e lo sviluppo del fenomeno arancione

Decreto lavoro governo Letta, spiegazioni e dettagli su aumento Iva rinviato a ottobre, assunzione di giovani under 29, incentivi al Sud, social card e svuotacarceri

Rapina banca viale Certosa Milano, si dia inizio all’agosto meneghino

Donna rapinata via Lombroso Milano, stava portando in banca 30mila euro

Rapine banca e farmacie Milano – Novate, arrestato ragazzo di soli 16 anni

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here