Sequestro cocaina aeroporto Linate, corriere di 26 anni proveniva dall’Ecuador

sequestro LinateL’operazione è stata svolta dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Milano in servizio presso l’aeroporto di Milano – Linate, in collaborazione con i locali funzionari doganali.

 

I CONTROLLI IN SALA ARRIVI – Le Fiamme Gialle sono state impegnate in un controllo effettuato nella sala arrivi nazionali/internazionali dell’aeroporto, nell’ambito dell’attività di repressione al traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

 

IL PROTAGONISTA DELLA VICENDA – In tale contesto hanno controllato un cittadino ecuadoriano di 26 anni, residente a Sesto San Giovanni.

– “Il ragazzo era partito da Guayaquil – spiegano i militari – e, dopo aver effettuato uno scalo ad Amsterdam, è giunto a destinazione all’aeroporto di Milano Linate.

– Di ritorno, infatti, dalla città dell’Ecuador, sull’Oceano Pacifico, capoluogo della Provincia del Guayas e del Cantone di Guayaquil, il 26enne viaggiava da solo, con al seguito due grossi bagagli da stiva.

 

IL TRASPORTO DI COCAINA – “Dopo aver affermato di non avere nulla da dichiarare – proseguono le Fiamme Gialle – e di essere tornato in Italia, dove vive regolarmente e svolge l’attività di operaio specializzato, dopo aver trascorso un breve periodo di vacanza nel Pese di origine, non ha convinto i Finanzieri, che hanno approfondito il controllo dei bagagli al seguito, fino a scoprire la vera natura del viaggio: l’immissione nel territorio italiano della sostanza stupefacente.

 

IL NASCONDIGLIO DELLO STUPEFACENTE – All’interno dei bagagli sono state rinvenute quattro scatole di cartone contenenti quelli che apparentemente sembravano normalissimi integratori alimentari.

“Le confezioni in bustina – hanno specificato i Finanzieri, – finemente sigillate, corredate di ogni dettaglio, apparivano stranamente rigonfie. Effettuato un primo controllo del peso unitario delle bustine, queste risultavano più pesanti rispetto a quanto indicato sulla confezione”.

– A questo punto i militari, sempre più persuasi che ci fosse qualcosa di anomalo, hanno aperto le confezioni che contenevano una polvere bianca risultata positiva al reagente della cocaina, per un totale di 3,5kg

 

L’ARRESTO – Il 26enne è stato tratto in arresto e associato alla Casa Circondariale di San Vittore.

“Al momento è a disposizione dell’Autorità Giudiziaria – conclude la Gdf, – con l’accusa di traffico internazionale di sostanze stupefacenti”.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro

 

Leggi anche:

Sequestro cocaina Linate Guardia di Finanza Milano, oltre 4 chili di neve dentro pesce congelato. Foto

Ritrovamento cocaina via Carpi Milano, 5 chili da 2 milioni di euro scoperte durante un controllo standard in appartamento

Maxisequestro cocaina Linate, pesce secco, vestiti e carta imbottiti di droga

Sequestro quadro Lucio Fontana aeroporto Linate, era l’unico passeggero di un volo privato da Zurigo e ora dovrà pagare quasi 500mila euro di Iva. Ma non solo

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here