Oggetti smarriti Milano, dati, ufficio preposto, contatti, normativa

wunderkammerMilanesi sbadati. Ma anche pigri e sfiduciati. A dirlo sono i numeri pubblicati dal Comune di Milano riguardo gli oggetti smarriti in città nei primi sei mesi dell’anno. Dei 15.817 articoli recuperati e finiti in via Friuli presso l'”Ufficio oggetti rinvenuti” del Comune, solo un terzo è stato reclamato dai legittimi proprietari. Il resto è stato dimenticato nel deposito, probabilmente per mancanza di fiducia nel suo ritrovamento. O, più semplicemente, per mera pigrizia.

.
PORTAFOGLI, BORSE E MAZZI DI CHIAVI – E così si scopre che ad essere smarrito con più frequenza, all’ombra della Madonnina, è il tanto caro portafogli, croce e delizia della nostra quotidianità. Ne sono stati ritrovati ben 2.276, più del triplo rispetto alle borse (714) e ai mazzi di chiave (615).

 

DOCUMENTI VARI – Per quanto riguarda le categorie “generiche”, a farla da padroni sono i documenti di vario titolo: carte d’identità, carte di credito, libretti di circolazione e assegni, per un totale di 4.981 pezzi.

– Nel copioso inventario rientra anche un libretto di lavoro: della serie, non si perde solo l’occupazione, oggi giorno, ma anche il documento che lo attesta.

 

GLI OGGETTI TECNOLOGICI – Non potevano mancare, ovviamente, i feticci del nuovo Millennio: gli oggetti tecnologici, abbandonati nei luoghi più disparati durante il tragitto casa lavoro o nei locali pubblici.

– Gli amati e ormai quasi indispensabili telefonini, con 341 pezzi sono, chiaramente, i più smarriti; seguono i computer (tra cui tablet e navigatori satellitari) con circa 80 esemplari e 26 tra macchine fotografiche e videocamere.

 

GIOIELLI E VESTITI – C’è spazio anche per i gioielli (pochi, in realtà) e la bigiotteria, con circa 139 articoli.

– A seguire, capi di abbigliamento e accessori: guanti, cappelli, occhiali, ombrelli e chi più ne ha più ne metta.

 

CONTANTI IN VALUTA STRANIERA – I milanesi, tuttavia, sono in buona compagnia, poiché in via Friuli sono stati depositati ben 17.099,81 euro in valute europee, contanti smarriti da turisti e visitatori, o viaggiatori d’affari nella nostra città.

.

GLI OGGETTI TORNATI AI LEGITTIMI PROPRIETARI –  A tornare presso i loro legittimi proprietari sono stati finora 4.628 oggetti.

– Hanno ritrovato la strada di casa anche 6.356,80 euro, per la gioia delle tasche dei loro titolari.

 

COSA DICE LA LEGGE? – Per i restanti due terzi di merce ancora in deposito, invece, la legge dice che c’è tempo 12 mesi dalla data esatta del ritrovamento per reclamarne la paternità.

– Ovviamente, per quanto concerne i documenti che possono essere riconducibili al legittimo proprietario, quest’ultimo viene avvisato del ritrovamento direttamente dall’Ufficio oggetti rinvenuti mediante telefonata o comunicazione scritta.

 

ORARI, CONTATTI E INFO PER I CITTADINI – Per tutte le altre tipologie di beni, invece, è discrezionalità dell’interessato rivolgersi al sopra citato ufficio telefonando allo 02.88453900 (fax: 02.88453996) oppure collegandosi alla sezione “Servizi Online-Oggetti rinvenuti” del sito del Comune di Milano.

– Un operatore comunicherà se l’oggetto in questione è stato ritrovato.

– In caso di risposta affermativa ci si può recare personalmente in via Friuli n. 30, muniti di documento d’identità o delega se ci si presenta per conto di un’altra persona.

– All’atto del ritiro verrà richiesto il corrispettivo, secondo le tariffe comunali vigenti, per la custodia effettuata.

– Se, trascorsi i 12 mesi dal ritrovamento, il legittimo proprietario non ritira il bene, il cittadino che ha ritrovato l’oggetto può esercitare il diritto ad acquisirne la proprietà.

– Qualora quest’ultima evenienza non si verificasse, gli oggetti ritirati vengono venduti, mediante asta pubblica, dall’Amministrazione comunale. Perciò, cari smemorati, affrettatevi. Il tempo stringe!

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Anziana borseggiata Milano, mentre ad agosto la città si svuota, chi è più fragile diventa vittima dei malviventi

Furto portafoglio metropolitana Milano stazione Garibaldi, un lettore: “Tre rom, una incinta, agivano all’ingresso del vagone”

Rapina iphone corso Como Milano, turista francese depredato da 2 romeni

Cane smarrito via dei Ciclamini Milano, sul collare ha scritto Flake chiamate il 3468742523 o il 3471856301

Cane smarrito Sesto San Giovanni: foto, ricompensa, recapiti da contattare

S.P.

foto: wikipedia.org

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here