Area C e blocco Diesel Euro 3, un lettore: “Sono auto fino al 2005, che hanno passato la revisione. Quindi perché fermarle? Chi ci guadagna?”

TrafficoCon la ripresa delle attività dopo la pausa estiva, mentre Atm ha aumentato gli abbonamenti del 30%, i cittadini riprendono comunque le proprie attività commerciali, non senza riflettere sui ciò che comporta vivere e lavorare a Milano, a partire dalle regole imposte sulla circolazione stradale. Da qui la protesta inviata alla nostra Redazione (redazione@cronacamilano.it) circa il blocco dei Diesel Euro 3: “Oltre 270.000 mila autovetture ancora in perfetta efficienza – osserva il nostro lettore, il signor E.E., – in quanto sono veicoli sino al 2005”. “Tutte queste vetture hanno effettuato la revisione e quindi superato le prove dei limiti di opacità stabilite dalla Comunità Europea – prosegue il cittadino, – quindi sono assolutamente autorizzate a circolare, perché non inquinano. Allora perché fermarle? Chi ci guadagna?” Nel dettaglio:


L’AUTUNNO E’ IN ARRIVO; NUOVI BLOCCHI DI DIESEL EURO 3, PURE –  “Il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, in collaborazione con i suoi tecnici – esordisce il nostro lettore, – durante l’anno ha istituito diversi blocchi di circolazione per le auto Euro 3 Diesel, per le quali Palazzo Marino ha stabilito sia il divieto di entrare in Area C sia, temporaneamente durante alcuni periodi della passata stagione fredda, il divieto totale di circolazione su tutto il territorio cittadino.

.

L’INQUINAMENTO E’ CAUSATO PRINCIPALMENTE DAI RISCALDAMENTI. IN PARTE, ANCHE DA AUTO E ALTRI FATTORI – ”Ora: che l’inquinamento sia generato in parte anche dalle auto – osserva E.E., –  così come e ancor più dai riscaldamenti, dagli autobus, dalla polvere delle gomme e da altri  fattori, è vero.

 

I DIESEL EURO 3 BLOCCATI SONO 270MILA – “Ma che sia in tale misura – aggiunge il cittadino – da bloccare oltre 270.000 autovetture, ancora in perfetta efficienza (perché sono auto sino al 2005), non è assolutamente vero.

.

SI TRATTA DI VETTURE CHE HANNO SUPERATO LA REVISIONE, PERCHE’ FERMARLE? – “Tutte queste vetture hanno effettuato la revisione e quindi – domanda E.E., – hanno superato le prove dei limiti di opacità stabilite dalla Comunità Europea, quindi sono assolutamente autorizzate a circolare, perché non inquinano.

– Perché allora fermarle?

– Perché si sommano ad altre fonti di inquinamento non fermabili, come riscaldamenti, mezzi pubblici e metropolitana?

– In proposito: lo sapete, vero, che di notte i mezzi del metrò girano a tutta velocità, per svuotarli dalle rimanenze del diesel incombusto?

.

BLOCCARE TUTTI QUESTI VEICOLI AFFOSSA L’ECONOMIA – “Fermare tutte queste vetture in un momento tanto pesante di recessione – osserva il nostro lettore, – significa fermare il lavoro di migliaia di persone, significa togliere alle aziende satelliti-lavoro, significa abbattere pesantemente il fatturato che migliaia di lavoratori non possono effettuare, significa togliere il modo di guadagnarsi  da vivere senza che abbiano la possibilità di comperarsi un’auto nuova e che non è giusto, avendo un’auto ancora perfettamente funzionante, debbano essere ricattati a farlo.

 

CHI CI GUADAGNA? – “Quali interessi economici ottiene qualcuno a spingere questo ricatto? – chiede ancora il cittadino. – Riteniamo che i proprietari debbano fregarsene di queste stupide e sleali direttive e continuare ad usare la loro auto senza timori!

.

..ALLA PROSSIMA PUNTATA – “Su questo argomento ci sarebbero ancora tante sorprese da raccontare – conclude il nostro lettore, – ma per ora fermiamoci qui. E.E. distinti saluti”.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro

 

Leggi anche:

Area C Milano, smog ancora da codice rosso e il Comune aumenta la multe

Smog e Area C Milano: telecamere accese, ma i limiti sono alle stelle; Pisapia tra i più amati d’Italia? Diteci la vostra

Euro 3 Milano, da gennaio 2013 divieto di circolazione dentro Area C anche per i residenti; analisi inquinamento, confronti, conseguenze, info

Area C Milano, le promesse fatte e non mantenute dal Comune su Area C

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here