Sequestro Guardia di Finanza Monza, irregolari oltre 6 milioni di prodotti cinesi

sequestro Gdf MilanoL’operazione è stata svolta dalle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Milano.

 

In base a quanto spiegato dalla Guardia di Finanza, dopo il sequestro di 3milioni di articoli operato lo scorso maggio, i militari hanno questa volta posto i sigilli ad oltre 6 milioni e mezzo di pezzi “Made in China”.

 

“Si tratta di prodotti non conformi alla disciplina del codice del consumo e, quindi, non sicuri”, hanno spiegato i Finanzieri.

 

Le indagini si sono concentrate su un’azienda amministrata da soggetti di nazionalità cinese, aperta da fine agosto 2013. Quando i militari del Gruppo Monza sono entrati nel magazzino della società, oltre 2.500 mq. situati nella zona industriale di Monza, si sono trovati di fronte ad interi scaffali e bancali di merce, pronta ad essere distribuita in tutta la Brianza.

 

“E’ stato necessario esaminare singolarmente, ad uno ad uno, tutti i prodotti – hanno sottolineato le Fiamme Gialle, – pari a circa sei milioni e settecentomila tra attrezzi da lavoro, ferramenta, casalinghi, prodotti per la cura e l’igiene della persona, materiale elettrico e cancelleria. Merce che al dettaglio avrebbe potuto fruttare fino a otto milioni di euro”.

 

Secondo quanto spiegato dalla Gdf, inoltre, nessuna etichetta era presente ad indicare, sui prodotti, la loro provenienza ed i canali di importazione. Nessuna indicazione, inoltre, neanche circa la loro composizione o i materiali contenuti.

 

Di conseguenza, “tutta la merce è stata valutata fuorilegge secondo il codice che tutela i consumatori europei –, hanno spiegato ancora i militari – e l’intera partita è stata dunque sequestrata dai finanzieri”.

 

I titolari della società, oltre a dover pagare una sanzione, se vorranno mettere in commercio i loro prodotti, dovranno dare prova di averne certificato la conformità agli standard della UE con l’apposizione di un’etichetta contenente:

– denominazione legale e merceologica,

– produttore o importatore se membro dell’UE,

– paese di origine,

– eventuali sostanze che possono recare danno all’uomo, alle cose o all’ambiente,

– caratteristiche merceologiche,

– istruzioni e/o le precauzioni e le destinazioni d’uso.

 

“In caso contrario – hanno concluso i finanzieri del Comando Provinciale di Milano – tutti i prodotti verranno confiscati e distrutti a spese dell’azienda stessa”.

 

Leggi anche:

Dolci sequestrati mercato via Vespri Siciliani Milano, 250 chili di cioccolatini e caramelle irregolari

Bottiglie false vino Romanée-Conti, Guardia di Finanza Milano smantella organizzazione specializzata, sequestrate bottiglie per oltre 1 milione di euro

Sequestro Milano 4200 barattoli di conserve vegetali, prodotti rietichettati con scadenza falsificata

Controlli ristoranti e negozi alimentari Milano, il bilancio del progetto “Mangia sicuro Milano”

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here