Lite tra famiglie rom Milano ospedale San Raffaele, un uomo finito in prognosi riservata

AggressioneNon è il primo caso, purtroppo, di episodi simili accaduti in un ospedale. Quando c’è di mezzo la salute, del resto, lo stress è forte e, spesso, basta un nonnulla per far esplodere il tutto.

 

In questo senso, l’ultimo fatto è accaduto ieri mattina all’ospedale San Raffaele.

 

Secondo le prime ricostruzioni, erano le 11 circa quando, nei corridoi della struttura, si sono incrociati 7 rom, appartenenti a due famiglie differenti.

 

Tra i due clan erano sopiti rancori di vecchio tempo e, l’occasione, ha permesso di riportare tutto a galla.

 

Iniziando dalle parole, la situazione è poi velocemente precipitata, trasformandosi da lite, a rissa.

 

Nel parapiglia, mentre un uomo è stato ferito, ricoverato e poi dimesso, un altro si trova invece in prognosi riservata. Le sue condizioni, al momento, sono moto serie.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Bambina rom morta ospedale San Paolo Milano, dopo la tragedia, la rabbia devastatrice dei parenti

Di Redazione

2 COMMENTI

  1. chissà perchè i rom non li ama nessuno, ne in Italia ne all’estero.
    l’unica cosa positiva è che si sono azzuffati tra loro.
    ora, pene esemplari e pagamento dei danni oltre che del ticket … ahhahhaaahahahaha :D
    figuriamoci, questi qui non pagano mai nulla e anzi siamo noi cittadini italiani a pagare ben 35 euro al giorno per ogni componente di questi ex nomadi che purtroppo sono diventati stanziali, dalla grande cultura del crimine.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here