Agguato a Seguro, Settimo Milanese: uccisi imprenditore e il figlio. Rapina degenerata in sparatoria?

PistolaUna rapina degenerata in sparatoria o, forse, un regolamento di conti. Sarebbero queste, secondo gli inquirenti, le motivazioni più accreditate all’origine del duplice tentato omicidio avvenuto ieri mattina, a Seguro, una frazione di Settimo Milanese. Nel corso dell’agguato un uomo di 48 anni ha perso la vita mentre suo figlio di 28 anni è rimasto ferito.

.

L’AGGUATO – Secondo una prima ricostruzione, erano circa le 7 del mattino quando padre e figlio, come avviene ogni mattina, si trovavano nel piazzale antistante l’azienda di famiglia, una piccola impresa dedita al trasporto e recupero-smaltimento di rifiuti speciali in via Sabin.

– All’improvviso, però, la coppia è stata raggiunta da alcuni colpi di pistola esplosi da un’auto appostata a pochi metri di distanza. Ad avere la peggio è stato il 48enne, il quale, condotto in gravissime condizioni all’ospedale San Carlo, è deceduto poco dopo. A carico dell’uomo, tra l’altro, sarebbero emersi svariati precedenti tra i quali anche lo spaccio di droga e alcune irregolarità nello smaltimento di rifiuti.

– E’ andata meglio, invece, al figlio, trasportato presso l’ospedale Sacco in codice giallo per una ferita riportata alla spalla. Il 28enne non rischierebbe la vita.

– Sul posto, immediatamente allertati dai vicini residenti, sono giunti gli uomini del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Milano e la sezione Rilievi dell’Arma.

.

I PRECEDENTI NELLA ZONA – Da qualche tempo, nel territorio di Settimo Milanese, è in corso un sanguinoso regolamento di conti tra alcune famiglie di origine pugliese presenti. L’obiettivo è il controllo esclusivo del fiorente mercato della droga.

– Sempre a Seguro, una frazione appartenente al Comune di Settimo Milanese, ai primi di giugno, un pregiudicato 51enne agli arresti domiciliari in via Pertini, era stato freddato da alcuni colpi di arma da fuoco.

– Due mesi prima, invece, questa volta a Settimo Milanese, due ventenni erano stati feriti alle gambe in una carrozzeria del paese, a quanto pare sempre per questioni inerenti lo spaccio di droga.

.

RAPINA DEGENERATA IN SPARATORIA? –  In base ai primi riscontri tecnici (forse cinque bossoli recuperati) e alle testimonianze raccolte, i Carabinieri non esclusono nessuna pista. Tuttavia, gli investigatori sarebbero più propensi ad inquadrare la vicenda in un tentativo di rapina finito male.

– Alcune testimonianze, infatti, hanno parlato di un’auto giunta presso la ditta della vittima per trattare la compravendita di alcuni materiali.

– Ad un certo punto, però, nel bel mezzo della trattativa, dal bagagliaio della vettura sarebbe sceso un terzo uomo (oltre al guidatore e al passeggero) armato che avrebbe minacciato padre e figlio per motivi ancora da precisare.

– La reazione dei due rapinati avrebbe fatto degenerare la situazione con le conseguenze sopra raccontate.

.

LE INDAGINI PROSEGUONO – Le indagini dei Carabinieri della compagnia di Rho, coadiuvati dal supporto tecnico della sezione investigazioni scientifiche del nucleo investigativo di Milano, sono tuttora in corso e incentrate, per il momento, sulle immagini dell’unica telecamera presente nel cortile antistante la ditta della vittima.

– Non rimane quindi che attendere le prossime ore per fare un po’ di chiarezza su questa vicenda dai risvolti ancora parzialmente oscuri.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Ucciso Pasquale Tatone Milano Quarto Oggiaro, terzo omicidio in 4 giorni, forse guerra tra clan

Sparatoria via Pietro da Cortona Milano, uomo ferito al torace in pieno pomeriggio

S.P.