Sgombero rom via Montefeltro e via Brunetti Milano zona Certosa, allontanati 600 nomadi

Campo-NomadiSeicento, forse anche 700 secondo alcune fonti. Sono i rom che ieri mattina sono stati sgomberati dai due campi nomadi abusivi sorti all’incirca 9 mesi fa all’interno di due aree di proprietà privata in via Montefeltro e via Brunetti, in zona Certosa.

 

Il maxi sgombero è scattato alle 9.30, alla presenza di Polizia locale, Polizia di Stato, Carabinieri, Protezione civile, Guardia forestale, Vigili del fuoco, operatori sociali e del consolato romeno.

 

L’allontanamento ha richiesto una lunga trattativa preliminare tra il comandante dei vigili urbani, Tullio Mastrangelo, e i capi delle famiglie rom. Seppur senza disordini, le operazioni si sono concluse solamente alle 15.

 

Secondo i dati forniti dalla Questura, i rom presenti nel campo di via Brunetti erano circa 300, mentre quelli nell’attigua area di via Montefeltro circa 250. Tra di loro, però, anche una quarantina di nordafricani. Impressionante, in tutto ciò, il numero di minori presenti: circa 300.

 

Palazzo Marino ha offerto a tutti gli sfollati  la possibilità di essere ospitati nei centri di emergenza sociale di via Barzaghi e via Lombroso. Come però si è verificato molto spesso anche in passato, solo una parte di loro ha accettato di trasferirvisi. Sono 254, infatti, le persone che si sono messe in fila davanti ai banchetti dei funzionari del Comune per svolgere le procedure preliminari per il  proprio trasferimento.

 

Le ruspe hanno poi provveduto ad abbattere le rudimentali baracche e a rimuovere le tonnellate di immondizia accumulate in questi mesi. Ora, l’obiettivo è quello di mettere in sicurezza le due aree affinché non si verifichino nuove occupazioni e, tal proposito, la Polizia locale ha istituito un servizio di sorveglianza ad opera anche di agenti in borghese.

 

«Oggi abbiamo dimostrato che esiste un altro modo per togliere le favela dalla città, pur rispettando i diritti delle persone e soprattutto dei minori – ha dichiarato Marco Granelli, assessore alla Sicurezza e Coesione sociale e Polizia locale – È fondamentale l’accordo con le proprietà e la possibilità di utilizzare gli strumenti adottati da questa amministrazione che consentono ai privati di demolire gli stabili inutilizzati e prevenire il degrado. Un profondo cambiamento dopo anni di sgomberi e spostamenti continui privi di un progetto e di una vera soluzione».

 

Nessun entusiasmo, invece, per  Giulio Gallera, consigliere comunale a Milano e coordinatore cittadino di FI, secondo il quale  «Le modalitá dello sgombero rivelano un’imbarazzante improvvisazione, con i rom spostati poco distante, in via Barzaghi».

 

Sulla stessa linea d’onda anche il vicepresidente del consiglio comunale, Riccardo De Corato: “Come avevo ipotizzato, i nomadi sgomberati dai campi di via Montefeltro e via Brunetti sono stati trasferiti in via Barzaghi. Ecco dunque svelato l’arcano: sono stati semplicemente spostati un centinaio di metri più in là. Per i cittadini del quartiere è una vera tragedia poiché, anche dopo lo sgombero, la difficile situazione che sono costretti a vivere non migliorerà minimamente. I furti, gli scippi, la sporcizia, il degrado continueranno esattamente come prima. Ma la vicenda assume anche i contorni di una farsa: il Comune prende in giro i milanesi, mettendo una misera pezza laddove invece servirebbe un intervento serio e concreto. In pratica i nostri amministratori hanno solo cambiato di posto ai 700 rom del campo abusivo, trasportandoli nelle immediate vicinanze”.

 

Piccata la replica di Mirko Mazzali, consigliere comunale di Sel: “Ancora una volta occorre spiegare alcune cose al coriaceo De Corato, che non conosce la differenza tra un campo abusivo e un Centro di accoglienza gestito e controllato dall’amministrazione. Per lui è solo una questione di distanze. Ma la sostanza vera  è che in via Brunetti e via Montefeltro vivevano famiglie con bambini nel più ampio degrado, senza alcun rispetto delle più elementari norme igieniche con disagi anche per i cittadini della zona. Le famiglie che hanno accettato di rispettare le regole imposte dal Piano per le popolazioni Rom potranno iniziare un percorso di inserimento e intanto vivere con i loro figli in una situazione di sicurezza per loro e per tutti i cittadini”

 

Mentre, tuttavia, per la Caritas: “Lo sgombero è una sconfitta per tutti. Speriamo che ci insegni a collaborare di più, mantenendo e incrementando i tavoli di confronto su queste vicende”, altre critiche si levano dall’associazione Naga:  “Ancora una volta l’amministrazione comunale sgombera senza prevedere alternative abitative e sociali per tutti i cittadini rom coinvolti nello sgombero e quindi, di fatto, spostandoli in un’altra area dalla quale saranno poi prevedibilmente, di nuovo, sgomberati”.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Per i Rom a Milano stanziati 6 milioni di euro, ecco tutte le spese del Piano approvato dal Comune

Rom su autobus 54 Milano, una mamma: “Sindaco, sali con noi una mattina, così ti rendi conto!”

Sgombero rom via Selvanesco Milano, legalità, speranze,denunce

Rom piazzale delle Milizie Milano, dopo le promesse di 2 mesi fa, traffici e minacce sono tornati. Foto

Rom viale Suzzani e Fulvio Testi Milano: “Furti nelle case ogni giorno e nessuno interviene, con la giunta precedente c’erano i vigili per i controlli, ora è sparito tutto”

Rom via Trasimeno Milano vicino asilo largo Bigatti: “Sono aumentati i furti in appartamento, rubano i giochi dei bambini e i vestiti della Caritas, bivaccano sui prati e hanno creato orti abusivi tra i tralicci della corrente”

Rom Forlanini Milano, a 2 mesi da intervento & promesse del Comune, la verifica di CronacaMilano: tutto è come prima. Anzi, peggio

Via Ferrante Aporti Milano, dopo altri 6 mesi di promesse del Comune, il degrado continua, foto e interviste

S.P.

 

4 COMMENTI

  1. Pur rispettando i diritti delle persone? certo d’accordissimo, sempreché la comunità Rom rispetti i diritti altrui, cosa che fino a desso non hanno mai lontanamente fatto.

  2. Colgo l’ occasione per dire al signor Mazzali che i centri temporanei di accoglienza sono pagati con le tasse dei cittadini. Che i soldi vengano dallo Stato Centrale o meno, sempre soldi sono prelevati ai cittadini onesti che pagano le tasse e che in passato hanno fatto grande Milano. Oggi la nostra città non ha bisogno di Expo vari che saranno poi lottizzati a favore della speculazione edilizia ma di seri e concreti progetti per rilanciare l’ economia della città.
    Le periferie – vedasi Ces di via Lombroso, non possono essere lo zerbino ove nascondere lo sporco – ergo i problemi di Milano.
    Occupiamoci delle sicurezza, pulizia, servizi efficienti, solo così la politica potrà riacquistare credibilità. Oggi la nostra città è come quei cartelli che si vedono sugli uffici, fabbriche….in Vendita.

  3. Si devono spostare in modo più energico, cioè nel loro Paese di provenienza, come hanno fatto in Francia, senza scrupoli. Solo così si potrà vivere meglio! Non ci saranno furti, borseggi e soprattutto degrado che sta facendo abbassare vertiginosamente la qualità della nostra vita in tutte le città. Difendere queste persone che sono refrattarie all’integrazione nella società civile significa essere fuori dalla realtà e ciechi.

    • Concordo con James. Come ho già scritto in altri miei post: rispetti le regole? bene, sei il benvenuto. VUoi venire a casa mia a fare i tuoi porci comodi? quella è la porta puoi andartene….Una nota: il degrado in cui i bambini rom vivono, non è certo stato creato da me…..si vada a dare la colpa alla loro stessa etnia……i “poveri” genitori che questi poveri bambini, sono gli stessi che li mandano a mendicare, rubare, prostituirsi….forse sarebbe da spiegare a Mazzalli che la famiglai rom di cui normalmente si legge ha una considerazione ben differente dei bambini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here