Nuovo sistema videosorveglianza Duomo Milano, è il monumento più controllato d’Italia, 24 ore su 24

 

DuomoLo scorso 4 luglio, poco dopo le 6.30 del mattino, un cosiddetto “base jumper” si lanciava dalle guglie del Duomo con il suo paracadute, atterrando indisturbato nella piazza antistante il monumento, destando lo stupore di una manciata di passanti e di alcuni agenti della Locale.

– Una bravata che aveva evidenziato una clamorosa falla nel sistema di sicurezza della cattedrale, al cui interno, evidentemente, il 34enne protagonista dell’impresa aveva pernottato attendendo il momento propizio per il lancio.

 

NUOVO SISTEMA VIDEOSORVEGLIANZA – Un’impresa che in futuro, però, non sarà più ripetibile. O almeno questo è quello sperano il Comune di Milano e la Veneranda Fabbrica del Duomo.

– Grazie ad una collaborazione tra le due istituzioni, A2A, Fondazione “Enzo Hruby” (quest’ultima ideatrice e finanziatrice del progetto) e Samsung Techwin è entrato in funzione un nuovo sistema di videosorveglianza del Duomo.

– Si tratta di un imponente e avveniristico impianto super high-tech composto da 20 telecamere e che permetterà di vigilare il più importante monumento del capoluogo lombardo per 24 ore su 24.

 

MONUMENTO PIU’ SORVEGLIATO D’ITALIA – Il perimetro della cattedrale è ora monitorato da 12 telecamere fisse – tutte dotate di tecnologia Full Hd -, con funzioni di analisi video, posizionate in quelli che sono considerati i punti più critici dell’intero edificio.

– Altri sette “occhi elettronici”, inoltre, sono stati posizionati sulle terrazze a circa 64 metri d’altezza. E’ il caso di dirlo, a due passi dalla Madonnina.

 

IL GRANDE OCCHIO MOTORIZZATO – La vera novità di questo complesso dispositivo di sicurezza, però, è la telecamera motorizzata.

– Installato per la prima volta a guardia di un monumento italiano, “l’occhio motorizzato” consentirà di coprire i circa 80 metri della parte centrale delle terrazze. Un’ulteriore misura di sicurezza che lascerà davvero poco d’intentato in fatto di vigilanza.

– Grazie a visori infrarossi integrati, inoltre, tutte le telecamere garantiscono una visibilità eccellente sia in condizioni notturne che di poca visibilità determinate dalle condizioni atmosferiche.

 

MONITORAGGIO QUESTURA E POLIZIA LOCALE – Le immagini vengono poi trasmesse in diretta alle centrali operative della Questura e della Polizia Locale di Milano, andando ad aggiungersi a quelle provenienti dalle circa 1.300 telecamere già gestite dalle forze dell’ordine.

 

ATTO DOVUTO – Questo avanzato sistema di sorveglianza, costato circa 160 mila euro, consentirà di vigilare non solo su quello che con i suoi 5 milioni di visitatori l’anno è uno dei monumenti più visitati in Italia, ma anche sull’intera area urbana circostante la cattedrale.

– Un atto dovuto, soprattutto in vista di Expo 2015, evento di portata mondiale che metterà Milano al centro dei riflettori.

 

REAZIONI E COMMENTI – “Una collaborazione nata e realizzata in tempi brevissimi. Siamo felici di contribuire alla sicurezza di un luogo così straordinario e simbolico per la città”,  ha dichiarato l’assessore alla Sicurezza e Coesione sociale e Polizia locale Marco Granelli.

– Le immagini delle telecamere poste sul Duomo da oggi saranno controllate dalla Centrale operativa: in caso di irregolarità saremo pronti a entrare in azione, 24 ore su 24, come già avviene con i 1.714 punti di videosorveglianza esistenti a Milano”.

– Entusiasta anche Carlo Hruby, vice presidente della fondazione “Enzo Hruby”: “È per noi motivo di grande orgoglio aver avuto l’idea di questo progetto e aver trovato istituzioni, aziende e persone pronte ad avallarla e a sostenerla”.

– Mons. Gianantonio Borgonovo, Arciprete del Duomo di Milano, si è detto invece molto soddisfatto per “l’ottima intesa tra soggetti pubblici e privati nel raggiungimento di questo traguardo in tempi contenuti. Il nuovo sistema di sicurezza restituisce protezione non solo al Duomo, ma si completa nella piazza e quindi nell’intero sistema cittadino. Anche questo intervento rientra nella strategia di tutela del Monumento a tutti i livelli: un ulteriore passo verso Expo2015, per accogliere i milioni di visitatori attesi”.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Violenze sessuali Milano, turista francese di 13 anni palpeggiata in corso Vittorio Emanuele. E’ il benvenuto meneghino?

Violenza sessuale metropolitanaDuomo Milano, nel 2012 accertati 532 casi su suolo meneghino

Protesta eliminazione bancarelle souvenir piazza Duomo Milano, l’intervista al titolare: “Sempre stati in regola, ho 5 dipendenti da mantenere”

S.P.

1 COMMENTO

  1. ANCHE I MILANESI
    sono i più sorvegliati.

    tanto che quando passano sotto la telecamerina ( ecopass.z.t.l. ecc )
    fanno il salutino e dicono ciiiiiiiiiiiss

    A Milano c’è un detto, che dice…….

    Sorridi una telecamera ti sta inquadrando !!!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here