Aggressione con mannaia Milano Stazione centrale, lite furiosa in metropolitana

aggressioneL’episodio risale a un giorno e mezzo fa: era la sera del 4 febbraio 2014 quando, nel mezzanino della Stazione Centrale, un uomo ha impugnato una mannaia.

 

Secondo quanto ricostruito dalla Polfer,  nonché filmato dalle telecamere della metropolitana, protagonista della vicenda è un 31enne originario dell’Algeria.

 

L’uomo brandendo l’arma, dotata di una lama larga 5 centimetri e lunga 30, si è scagliato contro un 39enne tunisino, forse a causa di una lite scoppiata per un bicchiere di vino.

 

Gravissime le ferite subite dal 39enne, colpitao ad un braccio e al volto.

 

Intervenuti gli agenti, l’aggressore è stato arrestato, mentre la vittima è stata immediatamente soccorsa.

 

Una volta identificati, entrambi gli uomini sono risultati essere irregolari e senza fissa dimora.

 

La settimana, del resto, ha visto anche altri episodi di grave violenza  accadere nelle strade milanesi. Tra questi, il ragazzino di soli 16 anni pestato a sangue e rapinato del cellulare alle 2,30 del pomeriggio, in piazza della Repubblica.

 

E mentre i rappresentati dell’Amministrazione cittadina continuano a negare che a Milano esista un allarme sicurezza, invitiamo tutti i lettori a scriverci, per raccontarci cosa avviene davvero per le strade della città: scriveteci, vi daremo voce.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni per qualsiasi vostra esigenza economica, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Giuliano Pisapia, sindaco gentile di Milano; ascesa ed operato. Le riflessioni di un cittadino sulla nascita e lo sviluppo del fenomeno arancione

Rapina bar via Aselli Milano, elenco rapine e furti dell’ultima settimana nella nostra città

Ragazzo boliviano rapinato via Ronchi Milano, rubati contanti, cellulare e permesso di soggiorno

Rapine Milano via Ripamonti e viale Abruzzi, siamo sicuri che la nostra città sia più sicura?

Furto collezione parka Scervino via Manzoni Milano, è l’ennesimo nel Quadrilatero. Elenco

Furto negozio via Torino Milano, soldi rubati dalla cassa in pieno sabato pomeriggio

Rapina farmacia viale Ungheria Milano, dramma di un traduttore disoccupato

Rapina posta via Saccardo Milano, ieri mattina due rapine in poche ore

Rapina supermercato Simply via Benedetto Marcello Milano, direttrice accoltellata finisce in ospedale

Rapina supermercato piazza Frattini Milano, colpo da 30mila euro in un punto Simply

Ragazza scippata via Resegone Milano, ancora una donna presa di mira sulle strade milanesi

Ragazza rapinata smartphone piazza Meda Milano, ancora una donna aggredita

 

Di Redazione

4 COMMENTI

  1. adesso spero che tutti i cittadini italiani dicano bastaa, non ne possiamo più di violenze fatte da stranieri,io abito a bologna e dalla finestra vedo risse fra romeni marocchini e prostitute dell”est,e li chiamano risorse,il pd deve risarcire tutti i danni fatte da questi stranieri.

  2. Che dire? Tutti i Kabobo dovrebbero essere rispediti nei loro Paesi subito, in modo inappellabile, senza interferenze della magistratura o della Chiesa. Noi, invece,
    accresciamo il numero degli sbandati nullafacenti e senza dimora, andando a prenderli con le nostre navi militari fin quasi sulla loro battigia e la nostra classe politica poco si cura dei disagi dei cittadini che si vedono pressati per le strade da
    extracomunitari o stranieri comunitari che mendicano in modo molesto o che scippano o stuprano. Ci sono certe vie nelle nostre città che sembrano tante piccole corti dei miracoli, per le persone mutilate, invalide o che fingono di esserlo che mendicano a ogni trenta o quaranta metri ; e tutto questo francamente nella mia società non vorrei proprio vederlo. Tra pochi anni gli Italiani saranno una minoranza
    in balìa di tutti i disperati stranieri che saranno la classe dominante.

  3. Sono andata alla Caritas per il 13 rapporto sui migranti..la Caritas paga gli affitti ad alcuni che partecipano ai progetti d inserimento poi non per tornare sempre sui rom ma in tante famiglie usufruiscono gratuitamente della case a Segrate vicino Milano !!! Ma perché mai dovrebbero andare via?siamo noi italiani a essere di troppo..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here