Arresto borseggiatori romeni metropolitana Milano stazione Palestro, erano entrambi pregiudicati

metro verdeE’ andata male, venerdì pomeriggio, a due romeni pizzicati dalla Polmetro in borghese durante una normale attività di pattugliamento anti-borseggio nella metropolitana milanese.

 

IN AZIONE SULLA MM1 – I due malviventi si trovavano a bordo di un treno della MM1 diretto al capolinea di Bisceglie. All’altezza della fermata Lima, però, proprio mentre erano in azione, sono stati notati dagli agenti che, da quel momento in poi, ne hanno seguito le mosse.

– Dopo aver tentato vanamente di sottrarre il portafoglio dalla borsa di una passeggera accortasi del pericolo, la coppia ha subito puntato un’altra vittima.

– Questa volta, però, con esito positivo, riuscendo a sottrarle dalla tasca un telefono cellulare usato poco prima per effettuare una telefonata.

 

L’INTERVENTO DELLA POLMETRO – A quel punto, all’altezza della fermata Palestro, l’intervento degli agenti si è rivelato quanto mai provvidenziale. E, i due romeni, sono stati bloccati proprio mentre cercavano di guadagnare l’uscita dal convoglio.

– Dai controlli svolti è emerso che si tratterebbe di due senza fissa dimora, pregiudicati, di 23 e 27 anni. Per loro sono scattate le manette, con l’accusa di furto pluriaggravato in concorso.

– Il telefono rubato è stato prontamente restituito alla legittima proprietaria, una donna italiana di 35 anni , che ha chiamato il proprio numero mentre il cellulare si trovava già nelle mani dei poliziotti.

 

UNITA’ PREVENZIONE REATI PREDATORI – Proprio la metropolitana, negli ultimi tempi, si sta rivelando terreno di caccia preferito dei borseggiatori provenienti soprattutto dall’Est Europa.

– Dopo che la giunta arancione aveva annullato il nucleo istituito dalla precedente Amministrazione, preposto all’attività di controllo e prevenzione dei furti a bordo di mezzi pubblici, agli inizi del 2013 il Comune ci ha ripensato, decidendo di istituire una “Unità prevenzione reati predatori”.

– L’attività di tale Unità si concentra (ancora) soprattutto nei luoghi di principale affollamento, come le fermate MM Duomo, Stazione Centrale, Cadorna, Loreto e tutti i luoghi turistici o di intenso passaggio come possono essere la Galleria Vittorio Emanuele, piazza delle Scala o piazza Castello.

– Invitiamo comunque tutti i lettori a raccontarci di eventuali furti e borseggi, tentati o riusciti, a bordo dei mezzi pubblici: vi daremo voce.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni per qualsiasi vostra esigenza economica, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Aggressione con mannaia Milano Stazione centrale, lite furiosa in metropolitana

Scippi metropolitana Milano stazioni Gioia e Porta Venezia, presi due nordafricani

Rom Milano metropolitana Sant’Ambrogio, nomade sputa in faccia a cittadina che sventa scippo

Foto disagi metropolitana Palestro Milano, scala mobile guasta, e mamma che sale a piedi con passeggino, figlioletto e zaini

Violenza sessuale metropolitana Duomo Milano, nel 2012 accertati 532 casi su suolo meneghino

Furti in metropolitana Milano, una studentessa derubata: “Non si possono lasciare i cittadini a se stessi”

Minorenne molestata Milano metropolitana Cadorna, in pieno pomeriggio 47enne palpeggia una 17enne

S.P.

Foto: M2, archivio

2 COMMENTI

  1. Come si fa ad integrare queste persone nel nostro tessuto sociale? Ma come si fa a
    non detestare simili persone che fanno del furto o dello scippo una costante della loro vita e forse anche uno stile? Come si fa a non pensare di mandarli via dal nostro Paese immediatamente e a calci nel sedere, come è già avvenuto in Paesi come la Francia e il Belgio? Tutta questa gente, già da molti anni, ha abbassato la qualità della nostra vita, rendendocela difficile e insicura; e peraltro le nostre evangeliche leggi nulla fanno e nulla possono contro questi individui che si sono insediati ormai nella nostra nazione, spremendola e sfruttandola a loro piacimento.

  2. Io vorrei capire tutto questo perbenismo malato da dove c.. arriva…questi che rubano sono gli stessi che prendono i finanziamenti dal comune! ma da quale cloaca putrida sono stati partoriti sto branco di pecore che fanno dell’aiutare (chi non se lo merita)una bandiera e poi sono gli stessi che sperperano i soldi dei milanesi che arrivano a fine mese a fatica per opere pubbliche inutili e pretenziose, rubano dalle casse comunali per il proprio interesse,si accaniscono con multe improponibili,tassano e non forniscono servizi efficienti e potrei andare avanti all’infinito…ma che tipo di marchingegno ci hanno impiantato per renderci così passivi e molli da non capire la colossale truffa in cui viviamo?!il loro successo sta nella totale frammentazione e divisione di noi italiani,finché non supereremo le vecchie differenze saremo solo delle marionette nelle loro mani…scusate per l’ultima parte poco pertinente,fino ad un certo punto perlomeno;infatti non dimentichiamoci che i rom sono una parte infinitesimale della popolazione,sarebbe un attimo cacciarli se fossimo uniti invece no la gente si perde in strozate e dà una connotazione politica ad un bisogno concreto e reale che non ha colore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here