Maltrattamenti su disabile via dei Mille Milano, arresto 56enne che vessava il fratello

ArrestoTredici anni di angherie nei confronti del fratello 53enne affetto dalla Sindrome di Down. E qualche giorno fa l’ultimo terribile e deprecabile episodio. Tanto violento da indurre la badante del malato a richiedere l’intervento delle forze dell’ordine. A finire in manette il fratello maggiore della vittima, un 56enne già condannato nel 2000 per maltrattamenti in famiglia.

 

TREDICI ANNI DI ANGHERIE – Risale ad allora, infatti, questa lunga storia di soprusi consumatasi in un appartamento di via dei Mille, in zona Monforte.

– Già in quell’occasione l’uomo aveva ricevuto una prima condanna per l’accanimento con cui usava malmenare il fratello più giovane.

– Qualche anno fa, poi, la morte della madre non aveva fatto altro che complicare il già problematico rapporto tra i due fratelli, rendendo la loro convivenza forzata quasi impossibile.

 

L’ARSENALE – Fino a quando, nelle scorse ore, l’escalation di brutalità ha raggiunto il suo parossismo. Sollecitati dalla donna che si occupa del 53enne, gli agenti hanno fatto irruzione nell’appartamento.

– Dopo aver riscontrato numerose ferite sul corpo della vittima, però, mai si sarebbero immaginati di trovarsi di fronte una una tale situazione. A far capolino in una delle stanze, infatti, un vero e proprio arsenale con armi da collezione di ogni tipo.

– Una passione che, a quanto pare, il manesco 56enne viveva alla luce del sole, se considerato che tutte le armi erano regolarmente registrate. Tutte, ad eccezione di una: uno spray al peperoncino che ha fatto scattare le manette nei suoi confronti per detenzione illecita di armi.

 

L’ARRESTO E IL TENTATO “SUICIDIO” – Al momento dell’arresto, però, quello che non ti aspetti. L’uomo, in un raptus di evidente disperazione, ha infatti cercato di estrarre dalla fondina dell’agente la pistola d’ordinanza. Un gesto successivamente giustificato con la volontà di togliersi la vita, ma che gli è valso un ulteriore capo di accusa: quello di tentata rapina aggravata.

– Per quanto riguarda il fratello disabile, per lui è stata scelta una comunità specializzata dove potrà finalmente ricevere le cure più adeguate e condurre un’esistenza serena e dignitosa.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Tempo libero e inserimento disabili Milano ‘Cascina Biblioteca’, presentazione attività 26 gennaio 2014. Recapiti e tutte le info

Festa ‘sTipAZZi’ venerdì 17 dicembre Onlus il Fontanile, divertirsi e aiutare chi è più fragile

Ricerca volontari Paolo Pini Milano per assistenza bambini con malattie croniche, corsi febbraio – marzo 2014, info

 

S.P.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here